Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Arianna e il suo sogno nel cassetto: "Voglio diventare medico come i miei nonni"

Vive con la famiglia, il fratto e il gatto a Forlimpopoli, città alla quale è molto legata nonostante abbia frequentato tutte le scuole a Forlì

Un bel modo per festeggiare i 19 anni. Arianna Bacchi ha concluso il percorso al Liceo Classico "Morgagni" col massimo dei voti. Vive con la famiglia, il fratto e il gatto a Forlimpopoli, città alla quale è molto legata nonostante abbia frequentato tutte le scuole a Forlì. Racconta di sè: "Mi ritengo una persona molto socievole, allegra e disposta ad aiutare gli altri. Il mio sogno nel cassetto è diventare medico in ospedale come lo erano i miei nonni".

Ha conseguito il diploma col massimo dei voti. Qual è stato il suo segreto?
Non ho un segreto particolare, memorizzo facilmente i concetti e ho sempre ascoltato e preso appunti in classe e durante la didattica a distanza.

Come mai ha scelto l'indirizzo Linguistico?
Alle medie mi appassionavano molto l’inglese e lo spagnolo e penso che al giorno d’oggi sapere le lingue apra tante porte.

Un aggettivo per definire i cinque anni al Classico
Sicuramente formativi

Ci spieghi
Il Liceo mi ha aiutata a aprire la mente e mi ha dato gli strumenti per costruire una mia autonomia di pensiero.

E' stato un anno difficile. Si è adattata subito con la didattica a distanza?
Non ho trovato grosse difficoltà a seguire le lezioni a distanza, ma alla lunga è inevitabilmente mancato il rapporto diretto con i compagni e con i professori che rendeva le lezioni stimolanti

Oltre allo studio che passioni ha?
Sono molto appassionata di musica e suono un po’ il pianoforte e l’ukulele. Amo anche cantare e recitare e per questo da anni frequento un corso di musical

Ora cosa farà?
Adesso cercherò di godermi un po’ l’estate tra mare e montagna ma dovrò comunque continuare a studiare per riuscire a passare il test di ingresso alla facoltà di medicina

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arianna e il suo sogno nel cassetto: "Voglio diventare medico come i miei nonni"

ForlìToday è in caricamento