Centri estivi, si prova anche per i piccolissimi 0-3 anni: "Una sfida reinventare tutto all'aperto"

Nonostante la rigidità dei protocolli anti-Covid, la cooperativa sociale 'Paolo Babini' è riuscita a organizzare il centro estivo 0-3 anni, a due settimane dall’avvio del centro estivo 3-6 anni

Nonostante la rigidità dei protocolli anti-Covid, la cooperativa sociale 'Paolo Babini' è riuscita a organizzare il centro estivo 0-3 anni, a due settimane dall’avvio del centro estivo 3-6 anni  per i bambini più grandi. I primi piccoli utenti sono proprio quei bimbi che, fino allo scorso febbraio, hanno frequentato il Nido di Sofia e il Nido Tick Tack Kids. Queste di fatto sono le due sedi in cui i centri estivi si svolgono: dopo il lungo lockdown i bambini tornano nei loro asili.

Spiega una nota della cooperativa: “La lunga pausa e la relativa permanenza a casa non sono senza conseguenze: per qualche bimbo è necessario un periodo di ri-ambientamento, per riappropriarsi degli spazi, per ritrovare i coetanei e riscoprire i volti famigliari degli  educatori, anche se celati dalle mascherine. Per molti il rientro tuttavia è caratterizzato dalla curiosità e dall’entusiasmo di ritrovare gli affetti, i giochi e gli spazi che, fino a qualche mese fa, riempivano la loro quotidianità.
E proprio gli spazi sono un punto cruciale di questa ripartenza: l’apertura dei centri estivi è infatti occasione per ripensare l’organizzazione dei servizi, spostando tutte le attività all’esterno”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per il Nido di Sofia e il Tick Tack, che pur da diversi anni si sperimentano e formano nell’educazione all'aperto, questa esperienza rappresenta un livello successivo: il passaggio è sottile ma fondamentale, perché si passa dal chiedersi “Quale attività possiamo fare oggi in giardino?” al “Come possiamo costruire una sezione a cielo aperto?”. Sempre una nota: “L’obiettivo di stare il più possibile all’aria aperta diventa un po’ anche la “provocazione” di provare a rinunciare agli spazi interni, ingegnandosi per vivere all’esterno l’intera giornata del nido, a 360 gradi. Certo si potrebbe dire “a luglio tutti i Santi aiutano” … ma noi siamo quanto mai curiosi di sperimentarci anche con il cambio di stagione e con l’arrivo dell’autunno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento