Chiarimento alle polemiche di rossi sull' istituzione ai servizi sociali di meldola

Polemiche risibili sull'operato del CDA ISSDD

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

RISCONTRO ALLA POLEMICA DI P. ROSSI PUBBLICATA IL 03/01/2013 SUL CARLINO

All'indomani del brindisi di capodanno appaiono dichiarazioni bizzarre e fuorvianti quelle di Pieraugusto Rossi, e hanno tutto il sapore di campagna elettorale. Riteniamo comunque di dover chiarire alcune cose. Lo stato in cui versa quello che noi stiamo gestendo lo abbiamo ereditato dalla precedente amministrazione, di cui Rossi ne faceva parte come amministratore attivo. Abbiamo trovato cose buone ed altrettante discutibili , ci siamo sempre impegnati gratuitamente dando il massimo della nostra professionalità, modificando quello che secondo noi era migliorabile senza fare troppa polemica sulle amministrazioni passate. Ma a tutto c'è un limite Sig.Rossi e vogliamo puntualizzare alcune cose da lei artificiosamente descritte. Assieme al comune stiamo mettendo in campo tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza ed il benessere dei nostri ospiti. L'area esterna non è solo campo da bocce come lei vuol fare intendere ,quando ci siamo insediati era in gran parte transennata, inagibile e una parte occupata dai cassonetti dell'immondizia. Il resto poco o per nulla agibile alle carrozzine, i nostri ospiti potevano passeggiare lungo il viale percorso dal tram e davanti alla raccolta rifiuti, noi l'abbiamo riqualificata (spendendo i proventi dei gettoni del consiglio d'amministrazione ai quali abbiamo rinunciato per metterli a disposizione della struttura) e prossimamente verrà completata dal percorso alzaimer. Sono state accantonate ingenti somme per i piani antincendi dei quali fino a tre anni fa nessuno si era preoccupato!


Gli investimenti fatti al sesto piano non sono stati inutili, se in un primo tempo erano destinati ad un altro progetto che per ora è solo rimandato nel tempo, ci hanno permesso di affittare il piano alla coop. oasi con un congruo rientro economico. Abbiamo dato attuazione a lavori di ristrutturazione esterni ed interni. Vedi sala ottagonale, sala camino, facciata esterna creato il primo punto di accesso gratuito alla rete wi fi del comune di Meldola. Non voglio fare l'elenco di tutte le cose fatte ma una ce la permetta: la camera ardente era situata a fianco della cucina e della lavanderia, i carrelli della cucina e della lavanderia passavano dallo stesso corridoio in mezzo ai parenti dei defunti. Di questo si è mai preoccupato lei? Che la ristrutturazione del corpo dovesse portare un abbattimento delle rette questa è una sua bizzarra fantasia come il fatto che gli utili del bilancio della farmacia servano ad abbassare le rette? Sarà stata l'ebbrezza del brindisi di capodanno? Piuttosto se Meldola ha le rette più basse del comprensorio è merito di un'accurata gestione dei servizi! L'attuale C.D.A. con la sua politica ha mantenuto la retta la più bassa del distretto , nonostante i tagli effettuati dalla sanità regionale e locale, inoltre si sono potuti fare investimenti grazie ai risparmi ottenuti nella revisione degli appalti con i fornitori di beni e servizi( vedi i risparmi sulla gestione del bar, sul' appalto pulizie la gestione calore ecc...) anche grazie ad una buona organizzazione garantita dai nostri responsabili di settore. Come vede non è solo merito del CDA. Comunque quando ha o avrà voglia di polemizzare lo faccia pure cercheremo di darle delle risposte chiare e trasparenti, ma lo faccia lontano dal Capodanno!

CASADIO ANDREA

GIORGIO PETRINI

Torna su
ForlìToday è in caricamento