Oltre mille interventi, la metà sui polmoni: la Chirurgia Toracica romagnola tra i primi tre centri in Italia

"Siamo infine la Scuola di Specializzazione di Chirurgia Toracica con il numero maggiore di Specializzandi universitari di tutta la regione", informa Stella

La Chirurgia Toracica dell'Ausl Romagna nell'ultimo anno è diventato il primo centro, per numero di interventi chirurgici al polmone, in Emilia Romagna e tra i primi tre centri in Italia. Diretta dal professor Franco Stella, docente dell'Università di Bologna, direttore della Scuola di Specializzazione di Chirurgia Toracica e coordinatore del corso di Laurea di Medicina - sede di Forlì, è anche il primo centro in Emilia Romagna e  tra i primi quattro centri in italia per la chirurgia dell'esofago.

"Dietro i numeri dell’attività della Chirurgia Toracica dell'Ausl Romagna diretta dal professor Stella - commenta Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute della Regione Emilia Romagna - ci sono le persone, ci sono i professionisti, che con la loro competenza permettono di tagliare traguardi così importanti. C'è quindi da essere orgogliosi di loro e del nostro Sistema sanitario, perchè siamo di fronte a risultati che non rappresentano un'eccezione, ma la quotidianità di un'attività clinica, garanzia di una qualità  che è determinante per la salute delle persone, che rimane il nostro obiettivo primario".
 
"Abbiamo effettuato un numero totale di 1023 interventi, con un incremento di circa il 70% rispetto agli anni precedenti - spiega Stella -. Tra questi abbiamo effettuato 501 resezioni polmonari, dato che ci pone tra i primi tre - quattro centri italiani. Per quanto riguarda la chirurgia dell'esofago abbiamo trattato 45 tumori su circa 90 interventi totali sull'esofago, posizionandoci tra i primi quattro centri di chirurgia dell'esofago in Italia. Siamo infine la Scuola di Specializzazione di Chirurgia Toracica con il numero maggiore di Specializzandi universitari di tutta la regione".
 
"Questi risultati sono stati ottenuti grazie al sistema Ausl unica Romagna, che vanta un patrimonio grandissimo di professionisti e di tecnologia nell'ambito della chirurgia toracica, ma anche un cospicuo numero di casi di pazienti provenienti  persino da fuori Regione - prosegue Stella -. La rete funziona anche in virtù del valore delle tante professionalità coinvolte negli ospedali romagnoli".

Stella è anche coordinatore del corso di Laurea in Medicina a Forlì, che, fra pochi giorni, prenderà avvio nel campus universitario forlivese: "Il rapporto tra corso di Medicina e Ausl in Romagna - conclude - sarà una collaborazione virtuosa di innovazione e ricerca, un passo decisivo verso l’ulteriore e migliore integrazione tra il mondo della sanità e quello dello studio  universitario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Muoiono in un incidente aereo quattro giorni dopo le nozze, lutto per un ex assessore

  • L'annuncio di Bonaccini: "L'Emilia-Romagna torna "zona gialla" da domenica"

  • Meteo, dicembre debutterà col freddo e la neve: fiocchi in arrivo a bassa quota

  • Sciagura in viale dell'Appennino: pedone muore travolto sulle strisce pedonali

Torna su
ForlìToday è in caricamento