Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

La sua apertura era stata salutata con favore in quanto si accrescevano i servizi di base ai residenti, come appunto gli alimentari, in un centro storico in gran parte occupato da terziario, banche, assicurazione e abbigliamento

E' stato aperto per tre anni tondi, poi la decisione di chiudere. La sua apertura era stata salutata con favore in quanto si accrescevano i servizi di base ai residenti, come appunto il piccolo supermercato di vicinato con gli alimentari, in un centro storico in gran parte occupato da terziario, banche, assicurazione e commercio di abbigliamento. Ora però chiude il supermercato 'Metà' di corso della Repubblica, in un locale incastonato nell'hotel della Città, di fatto l'unico di quel plesso che è ancora vitale, data la chiusura della struttura da alcuni anni (sono aperti anche i locali sul lato posteriore, adibiti a due aule studio dell'università). Chiude, ma non resterà vuoto e privo degli stssi servizi.

Giovedì in corso della Repubblica 115, al posto del supermercato Metà, aprirà un nuovo punto vendita della "Casa del contadino", una realtà locale, nata una decina di anni fa dall'azienda agricola Sapori Tipici, che vende ortofrutta e prodotti tipici derivanti per la maggior parte da aziende agricole del territorio forlivese e cesenate. Si tratta del sesto punto vendita nel forlivese, ma il primo nel centro storico. "Era da un po' che pensavamo a entrare nel cuore di Forlì - spiega Stefano Blancone, direttore dell'azienda agricola Sapori Tipici - e da un anno corteggiavo il direttore del supermercato Pam. Poi a un certo punto la trattativa è andata in porto e ora siamo pronti ad aprire".

Per quanto riguarda il supermercato del gruppo Pam Panorama, arrivato a Forlì due anni e mezzo fa, le difficoltà incontrate negli ultimi tempi sembrano essere state legate più che altro alla mancanza di una piattaforma logistica che a problemi di successo del negozio. Infatti, il supermercato, aperto per i primi 4 o 5 mesi da Mauro Lazzarini e poi consegnato al gruppo, funzionava bene, ma il non poter sfruttare un magazzino locale faceva aumentare a dismisura i costi e così Pam ha rivolto le sue attenzioni altrove.

Ma almeno in questo caso non è una vetrina che si spegne in uno dei corsi commerciali di Forlì. "Casa del Contadino nasce da un'esperienza di azienda agricola - spiega Stefano Blancone - e vogliamo assolutamente mantenere il format che abbiamo sempre avuto finora. Ma, in più, vogliamo avvicinarci a un nuovo concept, quello del local market. Vogliamo rimanere piccoli com'eravamo per servire un'utenza di persone che non è abituata a frequentare centri commerciali, anche perché il nostro rapporto è molto personale con i clienti, ma, dall'altra parte, ci rendiamo conto che per sopperire tutte le necessità dei nostri clienti dobbiamo allestire anche un banco di gastronomia con prodotti del territorio".

"Dobbiamo tenere tutto ciò che serve a un cliente per fare spesa e mangiare, prodotti buoni locali e a buon prezzo - prosegue -. Abbiamo pani di forni locali, pasta fatta artigianalmente di Antichi Sapori, il Boschetto che ci rifornisce prodotti caseari e biologici, il miele di Faenza, l'olio, il vino di tantissime cantine locali. In più la frutta e la verdura sono sempre di stagione e prodotta da aziende locali. Oltre ad avere un'azienda agricola nostra, abbiamo realizzato una sorta di piattaforma al mercato ortofrutticolo di Cesena a cui conferiscono dei piccoli produttori locali con piccole quantità. Vogliamo portare la filosofia del piccolo negozio ben rifornito all'interno del centro storico per una spesa economicamente conveniente. Noi sugli scaffali abbiamo ampia libertà, facciamo contratti diretti. Dal produttore allo scaffale. Se abbiamo pasta Barilla è perché siamo andati a Parma a contrattare direttamente, così con la De Cecco, tanto per fare dei nomi. Così la filiera si accorcia un po' e noi possiamo far risparmiare i nostri clienti".

Visto che nel 2017 Stefano Blancone ha ceduto le quote della società a Giampiero Valdinoci della società agricola Futuragri di Cesena, da tre anni la "Casa del Contadino" è anche cesenate. "Ora siamo partiti con le consegne a domicilio sia a Cesena che e a Ravenna - conclude Blancone - però non escludiamo di approdare prima o poi anche nelle due città della Romagna aprendo negozi gestiti direttamente da noi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento