menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza coronavirus, "La salute prima di tutto": sempre più ristoranti forlivesi sospendono le attività

Si allunga la lista di ristoranti che hanno deciso per la chiusura totale fino a data da destinarsi

Sempre più ristoratori decidono di sospendere le attività a data da destinarsi. "Comunichiamo alla nostra affezionata clientela che, con grande rammarico,abbiamo preso la sofferta decisione di chiudere l’“Osteria la Casetta” di Fiumana - comunicano su Facebook i titolari -. Ci teniamo a precisare che fortunatamente stiamo tutti bene (nessun caso di contagio fra il personale), ma per senso civico e per rispetto verso le problematiche attuali, riteniamo questo sacrificio necessario, nonostante le gravissime conseguenze sul piano economico e psicologico (amiamo veramente il nostro lavoro). Speriamo solo che  anche la nostra decisione spinga chi ne ha facoltà a orientare tutto il settore in questa direzione. A presto,auguri, tutti insieme c’è la faremo".

Dopo "La Marì d'Otello" altre pizzerie hanno comunicato la chiusura. La "Pizzeria Del Corso" ha deciso di chiudere fino al 5 aprile, mentre "La Vesuviana" di San Martino in Strada ha comunicato la chiusura per martedì, informando inoltre che "stiamo valutando attentamente la situazione, e cercheremo di adattarci a quest’emergenza nazionale". "Amici è arrivato il momento di fermarsi. Giusto così - è il messaggio del Mazapegul Brewpub di Civitella -. Rimaniamo a casa, godiamoci le nostre famiglie. Ci vediamo presto burdel e ci berremo anche gli arretrati".

"Ferri e Menta" in via Giorgio Regnoli resterà aperto solo per il servizio pranzo. "Ora, se vogliamo che questa sciagura finisca possiam fare solo una cosa: rispetto delle regole.Cosa c'è prima della salute? Niente. Per noi imprenditori è un danno inestimabile, cercheremo di continuare il nostro servizio in modo responsabilmente ferreo, fiduciosi che finito tutto ciò ci ritroveremo a brindare al senso civico di tutti noi, alla fortuna di avere la sanità pubblica e al valore del tempo e delle cose importanti della vita. Poi speriam di aver un pó di sconti in tasse, iva ed altro, ma a questo penseremo poi".

Anche "Piadina Più" di viale Bologna 54 ha deciso di chiudere: "In questo momento difficile che sta attraversando il nostro paese, nel rispetto della nostra clientela, nonostante le gravi conseguenze economiche che dovremo affrontare abbiamo deciso di chiudere. Con la speranza di ricominciare il più presto possibile. Tutto andrà bene". Questo l'annuncio del Ristorante Scarpina: "Ritenendo il decreto del presidente del Consiglio assolutamente in linea con l’attuale esigenza di salvaguardia della salute pubblica nel nostro piccolo contribuiremo operando chiusura totale dell’attività per il periodo previsto". Anche l' X-Ray sospende ogni attività e dà appuntamento al 4 aprile "a meno di nuove disposizioni".

Stessa decisione per "J-Soul-Anima del Giappone". "Casina Pontormo" rimanderà la sua apertura. "Vista la situazione è importante adoperarsi per limitare al massimo il contagio - è il messaggio -. È per noi un grosso sacrificio, ma per risolvere tutto nel minor tempo possibile anche la soluzione migliore. Raccomandiamo a tutti di seguire le prescrizioni sanitarie, in modo dia uscire da questa situazione e rivederci al più presto per vivere insieme la nostra quotidianità".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento