menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cinque milioni di euro all’anno per tutelare la vita in montagna

Cinque milioni di euro all’anno per tutelare e rafforzare la qualità della vita in montagna. È questo il principale effetto della direttiva regionale sulla tutela dei bacini idrici

Cinque milioni di euro all’anno per tutelare e rafforzare la qualità della vita in montagna. È questo il principale effetto della direttiva regionale sulla tutela dei bacini idrici nel territorio montano dell’Emilia-Romagna approvata oggi dalla Giunta regionale. Le risorse che verranno investite nei territori montani rientrano nei costi già esistenti del servizio idrico integrato: la direttiva prevede, infatti, la possibilità di destinare alla montagna fino a un tetto massimo dell’1,5% dei costi operativi del servizio.

“Queste risorse verranno destinate al contrasto del dissesto idrogeologico, alla tutela della ricarica delle falde e dello sfruttamento delle sorgenti, alla manutenzione del territorio montano: la Regione conferma il proprio impegno per tutelare la montagna e per ridurne le disparità rispetto al resto del territorio emiliano-romagnolo”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, che ricorda come questo provvedimento sia conseguenza diretta della legge regionale 23 dello scorso dicembre che ha istituito un unico Ato regionale in luogo dei nove precedenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento