Civitella di Romagna, prorogata la scadenza della prima rata imu a settembre

Una scelta nata dopo vari approfondimenti da parte dell’amministrazione comunale e dall’Ufficio Tributi e finalizzata a dare un sostegno ai contribuenti messi in difficoltà dall’emergenza Covid-19

Il comune di Civitella di Romagna proroga la scadenza per il versamento dell’ acconto Imu 2020 (Imposta municipale unica), con esclusione del gettito riservato allo Stato derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D. Una scelta nata dopo vari approfondimenti da parte dell’amministrazione comunale e dall’Ufficio Tributi e finalizzata a dare un sostegno ai contribuenti messi in difficoltà dall’emergenza Covid-19 intervenendo con il posticipo a settembre per il versamento  dell’imposta senza il pagamento di sanzioni ed interessi.

Il posticipo sarà effettivamente approvato con deliberazione di Giunta Comunale ai sensi dell’art. 24 del Regolamento stesso sulla base di quanto stabilito dall’articolo 1, comma 777, della “Legge di Bilancio 2020” e del potere regolamentare riservato dall’art. 52 del D. Lgs. n. 446/1997. "In una situazione di assoluta emergenza dovuta all’epidemia da Covid-19, causa di una fortissima ricaduta economica e sociale su famiglie e imprese - dichiara il sindaco Claudio Milandri - abbiamo deciso di consentire il pagamento dell’acconto Imu in scadenza a giugno entro settembre 2020, in assenza di una normativa nazionale che, purtroppo, non ha rinviato il termine di pagamento della prima rata Imu fissata per legge al 16 giugno prossimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento