menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Civitella, il Comune al fianco delle famiglie: al via il progetto "InRete"

"Il progetto - entra nel dettaglio Marchi - intende agire sul sostegno alle famiglie multiproblematiche come elemento centrale per contrastare la povertà educativa minorile del distretto di Forlì"

"Abbiamo accolto con entusiasmo l'attivazione sul nostro territorio del progetto InRete, che ha l'obiettivo di favorire il rafforzamento delle capacità genitoriali nell’affrontare le situazioni di fragilità famigliare e contrastare i fattori di disagio scolastico dei minori in situazioni di svantaggio. L'attuale emergenza covid ha contribuito ad inasprire la situazione delle famiglie più fragili: riteniamo che la realizzazione di tale progetto dedicato al loro sostegno e al contrasto della povertà educativa minorile sia un importante valore ed una risorsa indispensabile". Così Stefania Marchi, assessore al welfare del Comune di Civitella di Romagna.

"Il progetto - entra nel dettaglio Marchi - intende agire sul sostegno alle famiglie multiproblematiche come elemento centrale per contrastare la povertà educativa minorile del distretto di Forlì. I beneficiari del progetto sono i nuclei famigliari con minori in età scolare e i minori (6-17 anni) che presentano situazioni di fragilità (Bes, Dsa, disabilità lieve e stranieri non integrati). Le azioni messe in campo sono principalmente due: attivazione del Family Mentor tramite mediatore interculturale tra famiglia, scuola e servizi territoriali, che attiva il progetto relazionandosi con assistente sociale e scuola; Scuola InRete cioè laboratori da realizzarsi in aula o in altri contesti e attività di supporto allo studio, per aumentare il successo scolastico dei minori beneficiari del progetto.
In merito all’azione 1, diverse sono le segnalazioni di famiglie e minori che sono state fatte al Family Mentor sia da parte della Scuola che dei Servizi sociali, di cui la mediatrice del nostro territorio (Claudia Torelli della coop. Dialogos) si è già fatta carico da diverse settimane".

Su quest'ultimo punto, specifica l'assessore al Welfare, "sono stati attivati due laboratori espressivo-relazionali da 20 ore ciascuno presso la scuola primaria di Cusercoli, rivolti a due gruppi classe che accolgono due minori migranti in carico al Family Mentor; due laboratori da 20 ore ciascuno di didattica alternativa (cioè educazione allo studio), che si concretizzano in un’attività pomeridiana di aiuto compiti, che si svolge presso la Scuola secondaria di 1° grado di Civitella il lunedì e il giovedì pomeriggio. Gli alunni coinvolti in questa azione sono una decina, appartenenti a due classi diverse. Sia i laboratori svolti presso la primaria di Cusercoli, sia quelli presso la secondaria di Civitella si protrarranno fino a maggio. Il progetto è pluriennale, resterà infatti attivo fino al 2024; ciò permetterà di replicare le azioni previste anche nei prossimi 3 anni e di valutarne l’efficacia durante un arco temporale medio-lungo al fine di agevolare la costruzione di alleanze educative stabili e produrre gli impatti sperati in termini di riduzione del tasso di povertà educativa nei territori coinvolti".

"Il progetto ha come soggetto capofila e responsabile il Consorzio Solidarietà Sociale di Forlì-Cesena (coordinatrice Caterina Vestito) e vede in rete diverse cooperative sociali quali Dialogos sul nostro territorio (coordinatrice Fulvia Fabbri), Salvagente, Domus coop, L’Accoglienza, Paolo Babini, numerosi Istituti Comprensivi di Forlì e delle vallate (precisamente 10), tra cui l’Istituto comprensivo di Civitella e 4 Istituti superiori - conclude -. E’ un progetto finanziato dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, a seguito della partecipazione al bando nazionale "Un passo avanti" promosso dall’impresa sociale "Con I Bambini", gestore del fondo stesso, di cui InRete ha superato la selezione a fine 2019".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento