rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Scuola

Come si diventa architetto? Come si costruisce una casa in legno? Gli ex liceali del "Canova" incontrano gli studenti

Il progetto è promosso dai docenti Franco Zambonelli, Marco Casadei, Alessandro Iovino e Gianfranco Boattini nell'ambito delle attività di orientamento attivo dell'istituto

L'Architettura sostenibile raccontata dagli ex-alunni del liceo d’artistico agli attuali studenti e studentesse. Giovedì dalle 8.30 alle 10.40 nell’aula magna del Liceo Artistico e musicale Canova di Forlì, gli architetti dello studio Arkinprogress di Forlì, Marco Milandri, Alessio Serrani, Davide Prati, ex studenti del liceo e laureati alla facoltà di architettura Aldo Rossi di Cesena, incontreranno gli studenti e le studentesse dell'indirizzo di Architettura delle classi 3C, 4C e 5C.

Il progetto è promosso dai docenti Franco Zambonelli, Marco Casadei, Alessandro Iovino e Gianfranco Boattini nell'ambito delle attività di orientamento attivo dell'istituto. Come si diventa architetto? Che cosa si intende per sostenibilità in Architettura? A partire dall'esempio della Bifamiliare (in fase di realizzazione) a basso consumo energetico, realizzata con materiali ecologici come il legno, in via Pertini di fronte al Parco Urbano di Forlì si proveranno a immaginare futuri possibili, individuali e collettivi.

La professione di Architetto

Gli architetti di Arkinprogress sono under 35 e presentano una formazione e uno sviluppo di carriera professionale molto vicina agli studenti delle scuole superiori. Hanno condiviso gli stessi docenti con le attuali classi in corso e tramite un’intuizione di quest’ultimi sono stati invitati ad un confronto tra studenti ed (ex) studenti: lo scopo di questo dibattito è aiutare i futuri architetti ad immaginare la loro futura professione da una voce diversa da quella canonicamente scolastica.

Avranno modo di approfondire in quali fasi e sfide si compone la costruzione della carriera dell’architetto nella nostra provincia, per poi concentrarsi sul tema della sostenibilità in architettura, alle nuove controversie energetiche e come gli edifici di nuova concezione possano affrontare e risolvere queste questioni, grazie all’abbattimento dei consumi ed all’autoproduzione energetica, oltre ad un circuito di produzione e smaltimento di materiali più virtuoso e basato sul riciclo.

Il caso studio

Per dare maggior efficacia ai temi affrontati e permettere agli studenti una miglior comprensione si utilizzerà un esempio concreto, un edificio in fase di realizzazione su Forlì, una casa bifamiliare progettata con lo scopo di essere a basso consumo energetico e con materiali di origine naturale. La struttura portante è in X-lam, una tecnologia in struttura in legno massiccio, mentre il riscaldamento termico avviene senza l’utilizzo di gas metano, poiché grazie a pompe di calore alimentate elettricamente, questa energia è prodotta da un impianto fotovoltaico sul tetto, che fornisce un’indipendenza energetica fino all’85% in condizioni di soleggiamento ottimali. Questo esempio su Forlì aiuterà le classi a comprendere la trasposizione della carta alla fase costruttiva delle soluzioni progettuali per il risparmio energetico, oltre a poterne seguire lo sviluppo realizzativo fase dopo fase, potendo così sperimentare in modo pragmatico la trasposizione di un concetto apparentemente teorico come la sostenibilità, che in realtà ha a che fare con la nostra vita quotidiana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come si diventa architetto? Come si costruisce una casa in legno? Gli ex liceali del "Canova" incontrano gli studenti

ForlìToday è in caricamento