Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Concluso il summit internazionale di Hikma: "Forlì può diventare un incubatore di idee"

Il Summit ha visto tra i suoi ospiti personalità come Enrico Letta e Romano Prodi, ospiti internazionali come la ex presidentessa del Kosovo Atifete Jahjaga

Si è concluso domenica l Summit of International Relations online di Hikma, associazione studentesca forlivese patrocinata dall’Alma Mater Studiorum di Bologna, oltre che dal comune di Forlì, la Commissione Europea e dalla Società Italiana per le Organizzazioni Internazionali e sponsorizzata da Rotary Club Bologna, Serinar e Centro studi Melandri. Una quattro giorni interamente online e gratuita indirizzata agli appassionati di politica, affari internazionali e attualità.

“Tutto è cominciato nel 2019, volevamo creare qualcosa che restasse e che potesse mettere le radici a Forlì e abbiamo ideato un’associazione che potesse farsi polo dell’attivismo a Forlì - raccontano Federico Martelli e Francesco Nobili, 22 anni, fondatori di Hikma -. L’intento originale era un Summit fisico nel cuore pulsante di Forlì. La pandemia ci ha costretto a rivedere i nostri piani, ma questo ci ha permesso di arrivare ad un numero maggiore di studenti e a coinvolgere ancora più enti ed ospiti. Una riconversione forzata ma fruttuosa", aggiungono.

“Ora lasciamo il testimone a chi arriverà a Forlì. Siamo entrambi laureati e frequenteremo la magistrale in altri Paesi, ma siamo convinti di aver creato qualcosa che durerà, e non ci riferiamo solo all’associazione ma al principio di attivismo in sé, che vedevamo carente a Forlì e che speriamo di aver instillato in chi ci seguirà ed entrerà a far parte di questo mondo da adesso in poi", concludono Tutta la squadra di volontari, tutti studentesse e studenti di Forlì, ha infatti ricordato ai partecipanti come iscriversi all’associazione. Gratuita e senza scopo di lucro, per continuare a “creare e impegnarci insieme: cominciamo proprio ora”, come sottolinea uno degli organizzatori, Andrea Sau.

Il Summit ha visto tra i suoi ospiti personalità come Enrico Letta e Romano Prodi, ospiti internazionali come la ex presidentessa del Kosovo Atifete Jahjaga e l’economista indiano Parag Khanna, esperti del mestiere come l’ambasciatore italiano a Pechino Luca Ferrari e il giurista tedesco Bruno Simma, giudice alla Corte Internazionale di giustizia. Nel pomeriggio i workshop e gli incontri interattivi hanno permesso agli iscritti al Summit di confrontarsi e lavorare insieme nonostante la distanza fisica. “Da soli non avremmo fatto nulla”, precisa Celeste Luciano, volontaria dell’associazione e coordinatrice della squadra Ospiti. “Un ringraziamento va a Cisco Webex, la piattaforma che ci ha reso tutto possibile, all’Università (numerosi professori hanno moderato durante i dibattiti) ma anche a tutti i ben 911 partecipanti alle conferenze e ai laboratori”.

“Speriamo che Forlì diventi, come è stato per noi tutti, una casa, un incubatore di idee, una piattaforma per il futuro”, conclude Silvia Panini dell’Ufficio Stampa. A terminare la cerimonia di chiusura è uno dei due fondatori, Francesco: “Ci auguriamo che possiate, chi ci seguirà in Hikma e chi continuerà a supportarci dall’esterno, sognare in grande e aver voglia di lavorare per realizzare i propri obiettivi. Noi l’abbiamo fatto e vi diciamo: tutto quello che volete è solo a pochi mesi di duro lavoro di distanza”. 

IMG-20200927-WA0051-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concluso il summit internazionale di Hikma: "Forlì può diventare un incubatore di idee"

ForlìToday è in caricamento