menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il cimitero dei conigli: decine di carcasse al Parco Urbano

Purtroppo l'epidemia di mixomatosi che ha colpito i conigli al Parco Urbano lascia segni ben visibili, nonostante ogni mattina venga fatto un giro di ricognizione sui 32 ettari dell'area verde Franco Agosto

Purtroppo l'epidemia di mixomatosi che ha colpito i conigli al Parco Urbano lascia segni ben visibili. Nonostante ogni mattina venga fatto un giro di ricognizione sui 32 ettari dell'area verde Franco Agosto, capita di incontrare le carcasse degli animali uccisi dal virus. “Riceviamo le telefonate dei cittadini che ci segnalano eventuali corpi – spiega il gestore Ivan Casadei – e provvediamo subito alla rimozione. I cadaveri vengono poi inviati all'Ausl per i controlli di routine”.

“La malattia uccide solo i conigli giovani – sottolinea Rodingo Usberti, direttore del servizio veterinario dell'Ausl – la rimozione delle carcasse spetta ai gestori del parco, ai quali segnaliamo eventuali telefonate”. Ancora la cattura degli esemplari malati non è stata effettuata. “Devono essere presi utilizzando delle reti e questo non è per nulla facile – continua Usberti – anche perchè per farlo ci danno una mano i volontari degli Ambiti territoriale di caccia, quando non sono impegnati in altre attività. Non vengono pagati e quindi ci aiutano quando possono”.

Una  volta presi, quelli malati verranno soppressi. Prima un anestesia e poi una puntura per ucciderli. Nulla di cruento. “Il vaccino contro la mixomatosi – conclude Usberti – veniva effettuato nell'ambito del piano di controllo della popolazione. Ovvero i conigli venivano catturati per essere sterilizzati, poi gli veniva somministrato il vaccino. Questo fino al 2011. Le motivazioni non sono complicate da capire. L'Ausl, nell'ambito del piano di rientro, taglia i posti letto e mantiene i livelli essenziali di assistenza. Il vaccino dei conigli non fa certo parte di questo ambito”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento