menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continua la collaborazione tra la Volley 2002 e lo I.O.R.

La Volley 2002 continua ad avere particolare attenzione verso il sociale. E’ sempre più solido il rapporto di collaborazione tra la Volley 2002 e l’Istituto Oncologico Romagnolo di Forlì

La Volley 2002 continua ad avere particolare attenzione verso il sociale. E’ sempre più solido il rapporto di collaborazione tra la Volley 2002 e l’Istituto Oncologico Romagnolo di Forlì, con molte iniziative create per raccogliere fondi a favore dell’istituto romagnolo. Nelle ultime due stagioni la società del Presidente Giuseppe Camorani ha stabilito che in cinque partite casalinghe (quattro nella stagione 2010/11 e una in quella in corso) l’ingresso fosse ad offerta libera in favore dello IOR.

Venerdì mattina alle 10.30 l’allenatore della Infotel Forlì Alessandro Medri e le giocatrici Tania Poli e Nassira Camara consegneranno al Dr. Sergio Mazzi, presidente dello I.O.R., l’incasso raccolto in questa iniziativa. L’incontro si terrà presso la Cassa dei Risparmi Forlì e della Romagna.

 “E’ da diverse stagioni che con il Presidente Camorani e la sua società portiamo avanti questa iniziativa – spiega Alessandro Guardigli, Responsabile Amministrativo dello IOR – e non possiamo che ringraziarlo per tutto quello che fa per il nostro istituto e per la sensibilità dimostrata nel devolverci ogni anno la somma raccolta durante alcune partite casalinghe. Siamo orgogliosi che la squadra indossi sulla maglietta da gioco il nostro simbolo”.

 
“La Volley 2002 ha sempre a cuore la solidarietà – spiega il Presidente Giuseppe Camorani – e anche in un momento difficile che il nostro paese sta attraversando, non smette di fare beneficenza aiutando un ente importante come lo I.O.R. Questa iniziativa la portiamo avanti da anni e ogni volta ci riempie d’orgoglio poter dare il nostro contributo”.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento