Sabato, 13 Luglio 2024
Controlli dei Carabinieri

Lavoro "nero", ma anche scarsa igiene e poca sicurezza: fioccano multe per oltre 120mila euro

Le ispezioni hanno riguardato tre ditte specializzate nella produzione di divani, individuate dopo una preventiva attività info-operativa fornita dall’Arma territoriale in sinergia con il Nucleo Ispettorato del Lavoro di Forlì-Cesena

Il Nucleo Operativo del Gruppo Carabinieri Tutela Lavoro di Venezia, coadiuvato dai militari del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Forlì-Cesena e delle Compagnie di Forlì e Meldola, ha svolto controlli nel settore manifatturiero nella provincia finalizzata alla verifica della regolare occupazione dei lavoratori ed al rispetto delle norme in materia di sicurezza, salute ed igiene sui luoghi di lavoro. Sono emerse inadempienze in materia di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro come ad esempio le omesse visite mediche, l’omessa formazione dei lavoratori, e la mancata consegna dei dispositivo di protezione ai lavoratori.

Inoltre è stata riscontrata la presenza di vie di fuga non garantite all’interno dei luoghi di lavoro e l’impossibilita di raggiungere gli estintori in caso di emergenza. All’interno di un opificio è emersa una temperatura degli ambienti di lavoro troppo rigida, senza che il datore di lavoro avesse predisposto degli adeguati sistemi di protezione per i lavoratori. Le ispezioni hanno riguardato tre ditte specializzate nella produzione di divani, individuate dopo una preventiva attività info-operativa fornita dall’Arma territoriale in sinergia con il Nucleo Ispettorato del Lavoro di Forlì-Cesena.

L’attività ispettiva ha consentito di accertare irregolarità in tutte le ditte controllate per quel che attiene l’aspetto della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. All’interno di una ditta, nel meldolese, è stata riscontrata la presenza  di un lavoratore “in nero”, ragion per il quale è stato adottato il provvedimento della sospensione dell’attività imprenditoriale ai sensi dell’articolo 14 del decreto legge 81/2008, per la presenza di oltre il 10% dei lavoratori occupati senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro  Complessivamente sono state contestate 19 prescrizioni ed irrogate sanzioni per oltre 120mila euro. I controlli svolti rientrano nelle attività finalizzate a prevenire e reprimere i fenomeni dello sfruttamento del lavoro, di quello sommerso e a verificare il rispetto della normativa sulla tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro "nero", ma anche scarsa igiene e poca sicurezza: fioccano multe per oltre 120mila euro
ForlìToday è in caricamento