La Polizia interviene per una presunta aggressione: si scoprono un'alticcia ed un irregolare in Italia

Un marocchino di 36 anni ed una 40enne, entrambi residenti nel ravennate, sono stati deferiti a piede libero

Foto di archivio

Tutto è partito da una segnalazione al 113 di una forlivese alla quale non è sfuggita un'auto con una coppia a bordo, con un uomo che sembrava stesse picchiando la donna in sua compagnia. Fortunatamente non è emersa una segnalazione di pericolo, ma il controllo degli agenti dell'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Forlì si è comunque concluso con una doppia denuncia. Un marocchino di 36 anni ed una 40enne, entrambi residenti nel ravennate, sono stati deferiti a piede libero: il primo dovrà rispondere di "guida senza patente poiché mai conseguita" e "clandestinità", mentre la seconda di "guida in stato di ebbrezza".

Il fatto è avvenuto lunedì mattina. Erano circa le 11 quando un'automobilista, nel transitare lungo la via Ravegnana all’altezza dell’incrocio con la via Oraziana, ha notato un'auto ferma a margine della carreggiata all’interno della quale un uomo, al posto di guida, sembrava stesse picchiando la donna in sua compagnia. Quando sul posto è sopraggiunta la Polizia non vi era alcuna lite in corso; la donna ha assolutamente negato di avere subìto una aggressione e nemmeno presentava segni che potessero avvalorare questa ipotesi.

La circostanza che l’uomo fosse seduto al posto di guida, e che non avesse mai conseguito la patente di guida, ha comportato la contestazione della guida senza patente (a mente del codice della strada, infatti, il concetto di “circolazione stradale” comprende anche le fasi della fermata e della sosta); inoltre, avendo il permesso di soggiorno scaduto da qualche mese, a suo carico è stata inoltrata altra denuncia per violazione delle norme sull’immigrazione, essendo di fatto in stato di clandestinità. 

Nella fase “calda” dell’intervento, quando ancora l’oggetto del soccorso era accertare o meno se vi fosse stata una violenta aggressione, la donna (titolare di patente e proprietaria dell’auto) si è messa alla guida del veicolo, alla presenza degli agenti, ma una volta fatta cessare dalla circolazione è stata riscontrata in stato di ebbrezza: alla prova effettuate con alcooltest in dotazione alla Polizia Stradale è risultato un valore di circa 1 grammo per litro, quindi oltre la soglia prevista dalla legge. La patente le è stata quindi ritirata e il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo per tre mesi, con tanto di denuncia anche per la donna, per il reato di guida in stato di ebbrezza.
 

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento