Cronaca

Coronavirus, la crescita dei contagi concede una tregua. E non ci sono casi nelle scuole

Torna infatti a diminuire, dopo giorni segnati da un forte aumento, il numero dei nuovi positivi da Coronavirus

Un paracadute sulla crescita dei contagi. Torna infatti a diminuire, dopo giorni segnati da un forte aumento, il numero dei nuovi positivi da nuovo coronavirus nel Forlivese. Sono infatti otto i nuovi casi, sette dei quali sintomatici. Questa la distribuzione: cinque a Forlì, uno a Bertinoro (ambito familiare, con sintomatologia non allarmante), uno a Castrocaro, uno a Forlimpopoli. Cinque sono risultati positivi a seguito di contatto con un familiare positivo, due per contatto lavorativo, uno per tampone richiesto dal medico di famiglia per sintomi. L'altra buona notizia è che non sono emersi altri nuovi casi nelle scuole.

A Santa Sofia, dove si conteggiano sette casi (sei riconducibili allo stesso gruppo familiare ed un adolescente), sono proseguiti gli screening: "Quelli dei familiari del ragazzo hanno dato tutti esito negativo", spiega il sindaco Daniele Valbonesi. Per quanto concerne l'andamento in provincia, nel Cesenate invece se ne contano 13: sette a Cesena, tre a Cesenatico, uno a Bagno di Romagna, uno a Longiano ed uno a Sarsina. Sul fronte guariti, sono cinque le persone che si sono messi alle spalle la malattia. A loro è giunta infatti la comunicazione della negatività anche dal secondo tampone.

Emilia Romagna

In Emilia-Romagna l'andamento è simile a quello dei giorni precedenti: mercoledì sono stati conteggiati 339 casi in più rispetto a martedì: complessivamente 122 persone (tra i nuovi positivi) erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 162 sono stati individuati nell’ambito di focolai già noti. L’età media dei nuovi positivi di mercoledì è 44,2 anni. Sui 160 asintomatici, 83 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 19 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 18 con screening sierologici, 7 con i test pre-ricovero. Per 33 casi è in corso la verifica sul motivo del tampone. Per quanto riguarda la situazione nelle province, i numeri più elevati si registrano in quelle di Bologna (69), Reggio Emilia (57), Rimini (50), Modena (49), Parma (30), Ferrara (30), Piacenza (17), a Cesena (13), Ravenna (10),

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a mercoledì sono 7.148 (272 in più di quelli registrati martedì). Purtroppo, si registrano 4 nuovi decessi: uno in provincia di Bologna (una donna di 91 anni), uno in quella di Ferrara (un uomo di 83 anni), uno a Imola (un uomo di 82 anni) e uno in provincia di Modena (un uomo di 66 anni). Il numero totale sale dunque a 4.502. Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 6.730 (+208 rispetto a martedì), oltre il 95% dei casi attivi. Sono 35 i pazienti in terapia intensiva (+4 rispetto a martedì) e 383 (+60) quelli ricoverati negli altri reparti Covid. Le persone complessivamente guarite salgono a 27.045 (+63 rispetto a martedì): 7 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 27.038 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, la crescita dei contagi concede una tregua. E non ci sono casi nelle scuole

ForlìToday è in caricamento