Cronaca

Coronavirus, contagi record: oltre 100 casi in più nel Forlivese in appena 24 ore. Altre due vittime

Nel bollettino di martedì si conteggiano infatti 107 positivi, 91 dei quali con sintomi

Per la prima volta dall'inizio della seconda ondata della pandemia da covid-19 viene superata la soglia dei cento casi nel territorio Forlivese. Nel bollettino di martedì si conteggiano infatti 107 positivi, 91 dei quali con sintomi. Nel dettaglio, 32 hanno scoperto la positività attraverso il tampone richiesto dal medico di famiglia per sintomi, uno attraverso il tampone eseguito in un laboratorio privato, due attraverso il tampone eseguito prima del ricovero e 72 attraverso l'attività di contact tracing (ambito familiare o lavorativo). In tutta la provincia i nuovi positivi sono 172, mentre i guariti sono 13. La Prefettura di Forlì-Cesena rende noto che ci sono anche due vittime: si tratta di due donne, rispettivamente di 91 e 78 anni, entrambe di Predappio, che si trovavano ricoverate all'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì. Dall'inizio dell'epidemia i morti salgono così a 206 in tutta la provincia, 117 dei quali nel Forlivese.

Questa la distribuzione dei casi: due a Bertinoro, uno a Castrocaro, uno a Dovadola, 71 a Forlì, due a Forlimpopoli, 12 a Meldola, 8 a Predappio. Nel territorio comunale di Civitella, aggiorna il sindaco Claudio Milandri, ci sono altri tre nuovi positivi. Aggiorna il primo cittadino: "Rispetto alla situazione della precedente ondata di pandemia si fa fatica ad avere sotto controllo la situazione perché nella nostra provincia i casi positivi quotidiani sono numerosi, i tamponi eseguiti sono tantissimi e i servizi competenti sono al limite del collasso. Solo nel nostro comune i positivi salgono a quota 28. Da mercoledì, per ridurre i tempi di esecuzione dei tamponi per ricerca di Covid-19, verrà allestito su prenotazione un ''drive through'' (presidio fisso dove saranno presenti infermieri mediante il quale verranno effettuati tamponi direttamente dal finestrino della propria macchina) a Santa Sofia in piazzale Carl Marx nelle giornate comprese fra il lunedì e il sabato dalle ore 9 alle ore 12". 

A Santa Sofia sono quattro i nuovi casi, con due guarigioni. I casi totali sono 32, 28 dei quali in isolamento domiciliare ed in buone condizioni di salute. "Sono 50 le persone in isolamento domiciliare, compresi i 28 contagiati - spiega il sindaco Daniele Valbonesi -. Da mercoledì partirà un ulteriore screening, con tamponi anche sul territorio comunale. Tutto sarà gestito dall'Ausl e le persone saranno convocate dall'Igiene Pubblica. Questo può facilitare l'individuazione di nuovi positivi e ridurre i tempi per le verifiche sulle persone con sintomi o sui contatti con i positivi. La situazione è seria, ma sotto controllo. Tutti i contagiati sono costantemente monitorati. Ma con l'aumento dei numeri crescono le difficoltà". Dal sindaco un invito ad un comportamento più responsabile, rispettando le indicazioni del dpcm e a limitare gli spostamenti. "E' necessario per ognuno di noi e per le persone più fragili", conclude il primo cittadino.

In Emilia Romagna

In Emilia-Romagna si sono registrati 1.912 in più rispetto a lunedì, su un totale di 23.700 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore (a questi si aggiungono anche 3.634 test sierologici). La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è martedì dell’8%, dimezzata dal 16% di lunedì. Dei nuovi contagiati, 961 sono gli asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: complessivamente, tra i nuovi positivi 397 persone erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone e 374 sono state individuate nell’ambito di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di martedì è 43,3 anni. Sui 961 asintomatici, 489 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing,67attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5per screening sierologico, 10 con i test pre-ricovero. Per 390 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica. La situazione dei contagi nelle province vede Modena con 569 nuovi casi, poi Reggio Emilia (280), Bologna (214), Ravenna (141), Ferrara (137), Piacenza (131), Rimini (122), Forlì (107), Parma (100), Cesena (66) e Imola con 45 casi di positività.

I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a martedì sono 28.348 (1.859 in più di lunedì). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 26.731 (+1.762 rispetto a lunedì), il 94,7% dei casi attivi. Purtroppo, si registrano 23 nuovi decessi: 6 in provincia di Modena (3 donne di 70, 80 e 92 anni e 3 uomini di 76, 77 e 84), 5 in provincia di Bologna (3 uomini di 69, 76 e 83 anni e 2 donne di 90 e 100 anni), 4 in provincia di Parma (3 uomini di 78, 80, 83 anni e una donna di 87 anni), 4 in provincia di Ferrara (3 donne di 85, 94, 96 anni e un uomo di 75 anni); 3 in provincia di Reggio Emilia (3 uomini, rispettivamente di 82, 87 e 88 anni) e 1 in provincia di Ravenna (un uomo di 85 anni). Dall’inizio dell’epidemia i morti complessivi in Emilia-Romagna sono 4.687.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 153 (+15 rispetto a lunedì), 1.464 quelli in altri reparti Covid (+82). Sul territorio, le 153 persone ricoverate in terapia intensiva sono così distribuite: 9 a Piacenza (numero invariato), 14 a Parma (+2 rispetto a lunedì), 11 a Reggio Emilia (+3), 29 a Modena (+1), 55 a Bologna (+10), 4 a Imola (invariato rispetto a ieri), 8 a Ferrara (invariato), 6 a Ravenna (invariato), 3 a Forlì (-2),  2 a Cesena (- 2) e 12 a Rimini (+3). Le persone complessivamente guarite salgono a 28.123 (+30).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, contagi record: oltre 100 casi in più nel Forlivese in appena 24 ore. Altre due vittime

ForlìToday è in caricamento