A Modigliana un caso all’ospedale di comunità: tamponi per tutto il personale e pazienti

Lo rende noto il sindaco Jader Dardi, che sabato mattina si è confrontato con l'assessore Giuseppe Travaglini e coi responsabile dell'Ausl per fare il punto della situazione

Dopo il primo caso di positività al coronavirus a Modigliana, contratto da un anziano del posto che si trovava ricoverato nell'ospedale di comunità, tutti gli operatori, medici e pazienti della struttura della vallata del Tramazzo sono stati sottoposti al tampone, così come i parenti della persona risultata positiva. Lo rende noto il sindaco Jader Dardi, che sabato mattina si è confrontato con l'assessore Giuseppe Travaglini e coi responsabile dell'Ausl per fare il punto della situazione.

La struttura, intanto, resta in funzione, ma, specifica Dardi, "è chiusa al pubblico. Sono ammessi solo accessi filtrati". Gli esiti dei tamponi saranno resi noti nelle prossime ore, ma nel frattempo, comunica il primo cittadino, "tutte le persone che hanno avuto contatto diretto sono state contattate e invitate a stare in isolamento domiciliare per i prossimi 14 giorni e saranno contattate e monitorate dal servizio di igiene". 

L'anziano intanto si trova ricoverato a Lugo: "le sue condizioni sono stabili e mi auguro che possa ristabilirsi al più presto", è l'auspicio di Dardi. Dal sindaco anche "un ringraziamento sincero ai medici, agli infermieri, a tutti gli operatori che sono impegnati ad affrontare una situazione così difficile per loro e per tutta la nostra comunità. Un pensiero ai ricoverati e alle loro famiglie che vivono certamente la apprensione di queste ore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le cure e le assistenze sanitarie verranno garantite dal personale che ha sempre mostrato competenza e professionalità e continuerà a svolgere il proprio lavoro con la dedizione che li distingue", evidenzia. Quindi un appello finale: "A tutti rinnovo l'invito a ridurre i contatti. Restare nelle nostre abitazioni è la prima difesa che possiamo mettere in atto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • La Bidentina si macchia di sangue: schianto contro un albero, perde la vita sotto gli occhi della fidanzata

  • Coronavirus, focolaio in una ditta di Forlì: i positivi sono undici

  • Morto sulla Bidentina, Andrea superò un grave incidente. La sua esperienza per un progetto per giovani

  • Spara ad un fagiano, ma colpisce per sbaglio l'amico: lui perde un occhio

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: nuovi contagiati riconducibili a focolai già noti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento