Formula Servizi in prima linea sulle sanificazioni: "Lavoro prezioso, spesso inosservato"

Il controllo batteriologico nelle strutture sanitarie è ulteriormente aumentato, mentre le sanificazioni nelle aziende sono sempre più frequenti

L'igiene è importante, ce ne stiamo accorgendo sempre più durante la crisi Coronavirus. Rispettare le norme igieniche è fondamentale a livello personale, ma lo è ancor di più all'interno degli ospedali o di altre strutture che ospitano malati. Per questo si deve tener conto che in questi luoghi non sono impegnati solo medici e infermieri, ma ci sono anche tanti lavoratori che si occupano di tenere gli ambienti puliti e protetti dal contagio.

Ne sa qualcosa Graziano Rinaldini, direttore della cooperativa Formula Servizi che, fra le altre cose, si occupa di pulizie e servizi di sanificazione continuativi, periodici e straordinari in ambienti sanitari, strutture ospedaliere e residenze socio-sanitarie. Gli operatori di Formula Servizi, cooperativa con sede a Forlì, svolgono la loro attività in 14 regioni e si occupano dell'igiene e sanificazione degli ospedali di Forlì, Cesena e Rimini.

Rinaldini, come è cambiata la vostra attività di pulizia e sanificazione in questo periodo?
Si tratta di un'attività che richiede sempre molta attenzione, ma adesso ce ne è molta di più rispetto al solito. Soprattutto nelle strutture ospedaliere e nelle residenze socio-sanitarie. In questo periodo stiamo svolgendo un grande lavoro sanificazione anche nelle aziende che sono rimaste aperte. Per il nostro settore tecnico-amministrativo abbiamo invece attivato lo smart working.

Come si fa una sanificazione efficace e professionale?
Sono diverse le metodologie che si possono utilizzare, iniziando dall'aggiunta di una quantità di cloro pari allo 0,3 o 0,4% per ogni litro di acqua. Poi ci sono le procedure di sanificazione con ozono o perossido effettuate da personale specializzato che vengono effettuate mentre le sedi di lavoro sono chiuse. Nelle strutture sanitarie il controllo batteriologico avviene sempre e ora si aumenta l'impiego di disinfettanti. Facciamo pulizie costanti.

Che impatto sta avendo questo prolungato periodo di emergenza sulla vostra attività aziendale?
L'impatto più significativo per noi è relativo alla sospensione della pulizia nelle scuole, ma ci sono anche molte aziende e uffici chiusi. A livello generale, abbiamo 250 lavoratori fermi su oltre 2000.

Rispetto a prima dell'emergenza impiegate lo stesso numero di personale nelle operazioni di pulizia e sanificazione?
Negli ospedali usiamo lo stesso personale, perchè è quello attento e specializzato, con la giusta formazione alle spalle per poter svolgere queste operazioni. Personale preziosissimo in questo momento. C'è da segnalare un super lavoro sulle sanificazioni. Interventi solitamente straordinari che ora sono sempre più frequenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quali accorgimenti avete assunto per il vostro lavoro?
Abbiamo diramato numerose circolari per tenere aggiornato il personale su ordinanze e disposizioni. Ricordiamo sempre l'importanza delle norme igieniche da seguire, come l'utilizzo dei guanti, laversi le mani, e anche l'utilizzo delle mascherine, quando le troviamo. Cerchiamo di dare un supporto costante ai nostri lavoratori. Credo sia importante fare un plauso a tutti gli operatori che prestano servizio con un grande dispendio di energie, perché il loro contributo spesso viene sottovalutato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Travolto da un'auto mentre attraversa sulle strisce: anziano in condizioni critiche

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Pauroso schianto, finisce nel fosso e cappotta: liberato dall'abitacolo dai Vigili del Fuoco

  • "Sei entrato nel cuore di tutti": tanta commozione per l'ultimo saluto a Fabio Lombini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento