Coronavirus, in Romagna altri 14 casi. Situazione invariata nel Forlivese, +2 in provincia

E' quanto emerge dall'informativa comunicata giovedì pomeriggio dall'Ausl Romagna in merito all'andamento della pandemia da nuovo coronavirus

Nessun nuova positività al covid-19 nel comprensorio forlivese. E' quanto emerge dall'informativa comunicata giovedì pomeriggio dall'Ausl Romagna in merito all'andamento della pandemia da nuovo coronavirus. In provincia sono stati segnalati due casi, uno a Cesena e l'altro a Savignano, che aggiorna il dato complessivo dall'inizio dell'emergenza sanitaria a 1.805. Resta stabile a 194 il numero dei decessi, 110 dei quali nel Forlivese. Invariato il numero dei guariti, complessivamente 1.556 in tutta la provincia. Sono 978 coloro che da febbraio hanno contrato il virus nel Forlivese, mentre nel Cesenate sono 827.

La situazione in Emilia Romagna

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 29.350 casi di positività, 55 in più rispetto a ieri, di cui 32 persone asintomatiche individuate nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Dei nuovi casi, 27 si registrano nella provincia di Bologna e 11 in quella di Rimini. Dei 27 nel bolognese, 15 sono relativi al nuovo focolaio individuato all’interno di una casa residenza per anziani del capoluogo, 3 operatori sanitari e 12 ospiti in maggioranza asintomatici e tutti già in isolamento. Nel riminese, degli 11 nuovi positivi 9 sono cittadini stranieri, tutti asintomatici, che vivono nel residence del capoluogo nel quale la Ausl nei giorni scorsi ha individuato e isolato un focolaio subito gestito, avviando i controlli necessari.

La gran parte degli altri nuovi contagi sono comunque riconducibili a focolai o a casi già noti e a persone rientrate dall’estero. Va ricordato che per chi arriva da Paesi extra Schengen, la Regione ha deciso controlli più stringenti, a partire dal doppio tampone nel periodo dell’isolamento obbligatorio. Azione di prevenzione che sta portando a individuare positivi asintomatici, intervenendo subito su situazioni potenzialmente a rischio.

I tamponi effettuati da mercoledì sono 5.585, per un totale di 597.289. A questi si aggiungono anche 1.461 test sierologici. I guariti salgono a 23.719 (+30): l’81% dei contagiati da inizio crisi. I casi attivi, cioè il numero di malati effettivi, a giovedì sono 1.350 (25 in più di mercoledì). Non si registra in tutta l’Emilia-Romagna alcun decesso. Le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.265 (+28). Sono 6 i pazienti in terapia intensiva (-1 da mercoledì), e scendono a 79 (-2 rispetto a mercoledì) quelli ricoverati negli altri reparti Covid.

Le persone complessivamente guarite salgono a 23.719 (+30 rispetto a mercoledì): 194 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 23.525 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.578 a Piacenza (invariato), 3.752 a Parma (+1), 5.064 a Reggio Emilia (+3, tutti sintomatici), 4.070 a Modena (+6, di cui tre sintomatici), 5.195 a Bologna (+27, di cui 12 sintomatici); 416 a Imola (invariato), 1.078 a Ferrara (+2, tutti sintomatici);  1.137 a Ravenna (+3, di cui due sintomatici) e 2.259 a Rimini (+11, di cui uno sintomatico)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento