rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, Venturi: "Il momento della socialità si deve prendere una pausa"

Lo ha raccomandato Sergio Venturi, ex-assessore alla salute dell'Emilia-Romagna e chiamato dal presidente Stefano Bonaccini in aiuto per gestire l'emergenza coronavirus in Regione dopo la positività del suo successore Raffaele Donini

"Il momento della socialità si deve prendere una pausa". Lo ha suggerito Sergio Venturi, ex-assessore alla salute dell'Emilia-Romagna e chiamato dal presidente Stefano Bonaccini in aiuto per gestire l'emergenza coronavirus in Regione dopo la positività del suo successore Raffaele Donini. Attraverso la conferenza stampa in diretta sulla pagina Facebook della Regione, Venturi ha specificato che "stiamo valutando con i sindaci ed i presidenti delle Provincie gli andamenti delle palestre, piscine e centri per anziani. Venturi ha quindi invitato la popolazione a fare un "sacrificio" per qualche settimana: "Se si riduce la presenza sociale ci si ammala di meno e abbiamo bisogno che ci si ammali di meno".

"La tendenza degli ultimi giorni è stabile verso un incremento significativo" dei casi, ha osservato ancora l'ex assessore. "Ci avviamo ad una fase nella quale conterremo l'infezione - prosegue Venturi ,  ma abbiamo bisogno di restringere al massimo le occasioni di concentrazione delle persone". Sono due sono le aree particolarmente monitorate per i casi che stanno emergenza, il piacentino e il riminese. Per quanto riguarda in particolare Piacenza e provincia, "cerchiamo di favorire in ogni modo il lavoro da casa". Entro la settimana l'unita' di crisi della Regione Emilia-Romagna definirà un piano di potenziamento degli ospedali, in particolare per i reparti di terapia intensiva.

"Stiamo potenziando gli ospedali e non solo - spiega Venturi - entro la settimana definiremo un piano con l'unita' di crisi, insieme alla Protezione civile, sui numeri delle terapie intensive e sui percorsi per i pazienti". A Castel San Giovanni, in provincia di Piacenza, ad esempio, nuovi posti in terapia intensiva saranno attivati entro "24-48 ore". Inoltre e' in via di definizione anche "la collaborazione con la sanita' privata". Venturi ci tiene a dire che "ognuno e' curato nel luogo piu' appropriato". E aggiunge: "Nella nostra regione abbiamo un'incidenza piu' alta di persone anziane. Oggi in terapia intensiva abbiamo 32 persone su 700 contagiati, cioe' il 6%. Ci auguriamo di ridurre questa incidenza, ma dobbiamo comunque conservare i posti di terapia intensiva per i pazienti piu' gravi".

Per quanto riguarda il personale, "stiamo sfruttando tutte le possibilita' che abbiamo, anche grazie ai decreti approvati prima di questa emergenza". Quindi "possiamo chiamare i medici in pensione e possiamo assumere specializzandi e' in divenire. E vedremo nelle prossime settimane, anche con un provvedimento nazionale, di avere anche un riconoscimento" per il lavoro degli operatori sanitari impegnati nell'emergenza in questi giorni. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Venturi: "Il momento della socialità si deve prendere una pausa"

ForlìToday è in caricamento