Coronavirus, l'appello dell'assessore Corsini: "Rispettare le regole e non abbassare la guardia"

"E lo voglio dire in modo chiaro: non serve rinunciare alle vacanze, serve invece non rinunciare ad essere responsabili"

“L’andamento dei contagi da Coronavirus, proprio in questi giorni, è in salita un po' ovunque, è evidente. Ed è proprio per questo che occorre, da parte di tutti, nessuno escluso, un impegno forte. Ancora maggiore rispetto a quanto abbiamo fatto finora, che è stato comunque tanto. E lo voglio dire in modo chiaro: non serve rinunciare alle vacanze, serve invece non rinunciare ad essere responsabili. Per questo occorre, adesso più che mai, rispettare le regole: e questo vale per tutti. Perché il virus non fa differenze, colpisce laddove diamo ad esso modo di trasmettersi. Da qui ad ottobre sono in programma grandi eventi sportivi e l’avvio delle fiere e del turismo congressuale. E quindi non mi stanco di ripeterlo: rispettiamo tutti le regole. Dal distanziamento all’uso della mascherina, dall’igiene delle mani all’osservanza di tutte le norme che sono state emanate per non rischiare di favorire la diffusione del virus”. E’ quanto afferma Andrea Corsini, assessore regionale al Turismo e Trasporti, commentando gli ultimi dati relativi ai contagi da Covid-19, anche in riferimento alla stagione turistica ancora in pieno svolgimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resterà arancione. "Lunedì superiori aperte, ma rischiamo il rosso"

  • "Io apro", 30 clienti a tavola. Ristoratore forlivese multato: "Un segnale per smuovere la situazione"

  • Guasto al congelatore dell'ospedale, andate perse 800 dosi del vaccino stoccato a Forlì

  • Meteo, ondata di freddo in arrivo: "Ma non parliamo di gelo. L'inverno continuerà ad essere dinamico"

  • Jovanotti e la lunga battaglia della figlia Teresa contro il cancro: "E' stata pazzesca"

  • Vincono online centinaia di migliaia di euro: si dichiarano poveri e percepiscono il reddito di cittadinanza, denunciati

Torna su
ForlìToday è in caricamento