Coronavirus, i sindacati: "Tutelare il personale sanitario. Tampone per tutti e quarantena preventiva"

"I dati che arrivano ci dicono che il contagio interessa anche e non poco il personale sanitario", evidenziano i sindacalisti

“Partiremo con una campagna molto estesa, garantendo alcune migliaia di tamponi al giorno. Siamo pronti per partire immediatamente". Lo ha detto sei giorni fa a Cartabianca (Rai3) il presidente dell'Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Una dichiarazione contestuale al nostro comunicato stampa regionale, dove chiedevamo una campagna dedicata alla tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità regionale. In quella nota sottolineavamo la grandissima adesione alla raccolta firme alla nostra petizione “Tutelare la salute di chi lavora in sanità per tutelare la salute della popolazione”, che ha abbondantemente superato le 20.000 adesioni. A distanza di sei giorni, stiamo ancora aspettando che qualcosa si muova, mentre cresce la nostra preoccupazione per la salute di chi lavora e cresce anche la tensione del personale delle Aziende sanitarie per la poca chiarezza con la quale vengono gestite le situazioni dopo lo sviluppo di nuove positività": è la richiesta di Cgil, Cisl e Uil regionali.

"Sappiamo, infatti, che è stato inviato alle Aziende un documento (di cui ne siamo venuti a conoscenza grazie agli stessi dipendenti) che contiene a nostro avviso un grave errore di lettura e una grave contraddizione della normativa vigente. L’indicazione che viene fornita è di far andare al lavoro il personale Covid positivo nel caso sia asintomatico. Test per screening: tampone per screening periodico con cadenza quindicinale a tutti gli OS operanti in aree covid-19 al fine di definire le dimensioni delle forze lavoro in campo, nell’ottica di proporre, su base volontaristica, la ripresa del lavoro ai soggetti positivi ma asintomatici”, c’è scritto nel secondo capoverso a pagina 2. Specifichiamo che l’art 7 del D.L. 9 marzo 2020 n.14 “Speranza” dice che gli operatori sospendono l'attività nel caso di sintomatologia respiratoria o esito positivo per COVID-19. Inoltre, nel documento mandato alle Ausl, si dovrebbe modulare differentemente la tutela della salute degli operatori del S.S.R. a seconda che siano in zone ad elevata, moderata o massima diffusione, effettuando, in maniera differenziata, i tamponi sia per numero che per tempi.   Sono passaggi che richiedono chiarimenti immediati, perché vorremmo capire la paternità di una scelta per noi assolutamente incoerente e contraria alla tutela della salute e alla normativa vigente", sempre i sindacati.

"Di conseguenza, si rende necessario un incontro per ridefinirne i contenuti. Per noi la salute di un medico, di una infermiera, di un OSS o di un qualunque altro operatore sanitario ha lo stesso valore da Piacenza fino a Rimini, e i protocolli di prevenzione e tutela della salute su chi lavora devono essere uguali per tutti. Poca lucidità, questa è la nostra valutazione, in un periodo molto complesso nel quale la questione primaria della salute del personale sanitario, evidenziata ormai da tutti, rappresenta la centralità della lotta a questa emergenza. Dalla Regione Emilia-Romagna ci aspettiamo un costante confronto con le rappresentanze dei lavoratori, non indicazioni unilaterali.  Non ci tireremo indietro di fronte alla salute di chi lavora e di chi usufruisce dei servizi così come non lo stiamo facendo a livello nazionale", conclude il comunicato di Cgil, Cisl e Uil".

Sl tema interviene anche la Uil. Per fronteggiare l'emergenza coronavirus negli ospedali, l'Ausl Romagna effettuerà centinaia di assunzioni per quanto attiene il personale infermieristico ed Oss. "E' un fatto positivo, che sarebbe sbagliato non evidenziare - intervengono Massimo Monti, Michele Bertaccini ed Enrico Imolesi, rispettivamente segretario Uil Fpl, sindacalista Fpl e segretario Uil -. Ringraziamenti ed incentivi sono sempre ben accetti ma sia chiaro che oggi le priorità sono altre ed è nostra intenzione ribadirle in modo quanto mai chiaro".

Dai sindacalisti della Uil tre appunti: "Vanno incrementare le chiamate a tempo indeterminato.  C’è poco da dire in questa fase dove tutte le Ausl del nord Italia stanno scorrendo le graduatorie occorre garantire prospettive migliori. Al momento è innegabile come il lavoro di diversi reparti e settori dell’azienda sia esponenzialmente aumentato pertanto, onde evitare in diffondersi di situazioni burn out del personale, occorre garantire il massimo incremento di personale possibile. Dobbiamo ragionare in ottica di medio periodo non solo emergenziale e pertanto prevedere sin da ora aumenti considerevoli e strutturali delle piante organiche. I tempi determinati che oggi svolgono servizio in azienda vanno stabilizzati. Da un lato non possiamo perdere competenze ma ancor di più riteniamo sia un dovere morale stabilizzare quanto prima chi oggi combatte in prima linea con un contratto a termine. Va fatto ogni sforzo in tal senso e va fatto subito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Attraversa davanti all'Electrolux, gravissimo un lavoratore investito da un'auto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento