Coronavirus, "Oltre 7mila tamponi al giorno in Emilia Romagna. E si completano i test sui sanitari"

"Segnalo che anche qui non lavoriamo per dire 'faremo', ma lo diciamo quando lo abbiamo fatto", evidenzia Venturi

"Entro questa settimana completeremo lo screening sierologico di tutti gli operatori sanitario del servizio sanitario dell'Emilia-Romagna". Lo ha annunciato il commissario ad acta all'emergenza Sergio Venturi, durante la diretta Facebook di martedì pomeriggio. "Presumo che saremo la prima Regione a farlo - ha sottolineato Venturi -. Segnalo che anche qui non lavoriamo per dire 'faremo', ma lo diciamo quando lo abbiamo fatto". Sforzi anche per quanto concerne i tamponi: "All'inizio dell'epidemia ne facevamo 7.600 in tre settimane, oggi li facciamo in un giorno".

Venturi si è tolto ancora una volta qualche sassolino dalla scarpa. "C'e' chi dice che dovremmo prendere esempio dalla Calabria", una regione dalla quale "prendo esempio su tante cose, ma ci va dato atto che abbiamo gestito due emergenze diverse. Basta confrontare i numeri, lo dico anche agli statistici di casa nostra".

Venturi si è concentrato sulle cifre dei tamponi effettuati, che ad martedì in Emilia-Romagna ammontavano a 172.589: "Abbiamo fatto uno sforzo enorme che abbiamo fatto, lo dobbiamo alle migliaia di operatori" impegnati in queste settimane.  E ha aggiunto: "Dietro a una sedia si fa molta poca fatica a dire che non basta". Secondo Venturi, dunque, "siamo su un'ottima strada. Naturalmente facendo più tamponi troviamo anche più positivi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento