Coronavirus, anche in Romagna persone che "si ammalano" per la seconda volta: come vengono gestite

Ci si può ri-ammalare di Coronavirus? Anche in Romagna non mancano segnalazioni di recidive, persone che vale a dire manifestano per una seconda volta la malattia dopo essere state dichiarate guarite. Come vengono gestiti questi pazienti?

Ci si può ri-ammalare di Coronavirus? Ovviamente il tema è oggetto di un'ampia discussione scientifica a livello mondiale, discussione che si interseca con quella, nata fin dalla fase più acuta dell'epidemia, sull'immunità - di gregge o personale che sia – che deriva dall'essere stati infettati dal  virus e per questo avere una certa protezione. Anche in Romagna non mancano segnalazioni di recidive, persone che vale a dire manifestano per una seconda volta la malattia dopo essere state dichiarate guarite. Come vengono gestiti questi pazienti?

Nel solo territorio di Forlì si segnalano due casi di recidiva, uno in particolare riferito ad un'infermiera dichiarata guarita che ha effettuato un controllo di routine all'atto di assunzione in una nuova azienda ospedaliera. Un altro caso è quello del decesso di una donna di 89 anni, sabato scorso, addebitato prima al Coronavirus e poi riclassificato come morte non dovuta al Covid, tanto che nel Forlivese il conto dei decessi da virus resta fermo a 110 morti dal mese di maggio. Come vengono gestiti i casi dei recidivi? Lo spiega Raffaella Angelini, il dirigente a capo dell'Igiene pubblica dell'Ausl Romagna. 

Dottoressa Angelini, ci sono casi di recidive anche in Romagna?
“E' più corretto parlare di 'ri-positivizzazioni', piuttosto che di recidive, dato che non è detto che sia una ripresa della malattia, soprattutto quando non è accompagnata da sintomi e il referto da cui emerge la nuova positività è assolutamente casuale, come può esserlo uno screening generale in una casa di riposo e il tampone che viene fatto in ingresso all'ospedale. Dall'altra parte c'è l'estrema sensibilità del test che consente di rilevare quantitativi ridottissimi di genoma virale, cariche bassissime in cui potrebbe anche non esserci virus in grado di contagiare. Non necessariamente quindi ha un significato di ripresa della malattia”.

Come vengono gestiti questi casi?
“Le indicazioni ministeriali attualmente vigenti in Italia sono che ogni caso positivo, anche a bassissima carica, va considerato come positivo a tutti gli effetti e a scopo precauzionale trattato come tale, ma da un punto di vista clinico ed epidemiologico questa positività ha un significato diverso. Ha lo stesso significato di quelle persone che continuiamo a trovare alternativamente positive e negative al tampone per 3-4 mesi, e non si riesce a dichiarare la loro guarigione virologica perché non si riesce mai a mettere insieme due tamponi negativi consecutivi, come vuole la norma per dichiarare ufficialmente la guarigione”. 

Sono casi rari?
“No, anzi è abbastanza frequente, tanto che anche la Regione, che ci dice di controllare periodicamente gli ospiti delle case di riposo, dà come indicazione di non verificare quelli che hanno avuto una diagnosi passata e sono risultati guariti, dato il rischio di trovare positività che poi sono da gestire come tali a tutti gli effetti, col problema non facile di rimettere in isolamento persone per tanti mesi, ma che in realtà non rappresentano un vero pericolo”. 

Ma queste ri-positivizzazioni possono portare ad aggravamenti, col ritorno di sintomi gravi?  
“Non è dimostrato che questi nuove positivizzazioni portino a sintomi gravi, almeno a quanto visto fino ad esso non ci sono elementi che dimostrino la tendenza a recidivizzare della malattia. Dobbiamo tenere conto che è una malattia di cui si conosce poco e quindi ci si muove a livello precauzionale, per cui ogni tampone positivo comporta che il paziente venga gestito come tale, ma si pensi anche che secondo le indicazioni dell'Oms non servirebbe neanche fare i due tamponi negativi per essere dichiarati guariti, i pazienti possono essere considerati guariti 15 giorni dopo i sintomi, senza fare controlli di guarigione. Questo perché alcuni Paesi non si possono permettere di fare i due tamponi di guarigione, poi perché appunto c'è molta difficoltà ad ottenere la negativizzazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Forlì c'è stato un caso alcuni giorni fa di una donna di 89 anni inizialmente dichiarata deceduta per Coronavirus e poi 'riclassificata' come morta per altra motivazione. Come è possibile?
“Non conosco il caso specifico, ma il concetto è lo stesso. Può capitare il decesso per altri motivi di persone che hanno avuto il Covid nel passato, specialmente nella fascia degli anziani. Tutti i pazienti che hanno avuto il Covid sono inseriti in un nostro elenco e se muoiono ci si pone il problema di qualificare quel decesso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Travolto da un'auto mentre attraversa sulle strisce: anziano in condizioni critiche

  • Pauroso schianto, finisce nel fosso e cappotta: liberato dall'abitacolo dai Vigili del Fuoco

  • "Sei entrato nel cuore di tutti": tanta commozione per l'ultimo saluto a Fabio Lombini

  • A 24 anni sta per realizzare il suo sogno nel cassetto: un "centro benessere" per i cani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento