Coronavirus, Romagna Acque dona 100mila euro all'Ausl per le varie terapie intensive

Nei giorni scorsi anche il cral aziendale, “Amico Acquedotto” ha deciso di devolvere una somma del proprio fondo

Il consiglio di amministrazione di Romagna Acque – Società delle Fonti, dopo aver informato anche i soci, ha deciso di devolvere la quota di centomila euro alle terapie intensive della Romagna, allo scopo di acquistare macchinari, attrezzature, materiali e quant’altro verrà valutato utile per superare questa durissima fase di emergenza. La donazione verrà fatta all’Ausl romagnola, con l’accordo di dividere la cifra e destinarla alle strutture sanitarie di tutte e tre le province romagnole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nei giorni scorsi anche il cral aziendale, “Amico Acquedotto” ha deciso di devolvere una somma del proprio fondo, che pur se piccola possa aiutare le squadre di emergenza impiegate a svolgere al meglio le proprie attività sul nostro territorio. Il Cral ha dunque devoluto cinquemila euro alla Regione Emilia-Romagna che ha messo a disposizione il conto corrente della Protezione Civile regionale per donazioni a favore dell'emergenza sanitaria Covid-19, grazie al progetto "Insieme si può”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento