rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Il mistero / Civitella di Romagna

Il giallo del cadavere decapitato: l'autopsia conferma il taglio netto della testa, ma resta il mistero

Proseguono a 360 gradi, coordinate dal procuratore capo Maria Teresa Cameli e dal sostituto Federica Messina, le indagini dei Carabinieri

Un giallo ancora senza risposte. Si scava a fondo sulla vita di Franco Severi e sulle sue ultime ore di vita per dare un perchè alla terribile fine dell'agricoltore civitellese di 53 anni. Proseguono a 360 gradi, coordinate dal procuratore capo Maria Teresa Cameli e dal sostituto Federica Messina, le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Meldola e del Nucleo Investigativo del comando provinciale di Forlì-Cesena sulla morte dell'uomo trovato decapitato mercoledì sera nei pressi della sua abitazione nella frazione di Cà Seggio nel comune di Civitella.

L'autopsia

L'autopsia disposta dal pm Messina, eseguita venerdì pomeriggio all'anatomopatologa Donatella Fedeli di Bologna, esperta in medicina legale, consulente quindi per la Procura di Forlì, non avrebbe chiarito le cause del decesso. Cinque dei sei fratelli della vittima - assistiti dagli avvocati Massimiliano Starni e Massimo Mambelli del Foro di Forlì - hanno nominato due esperti in qualità di persone offese il medico legale Dario Raniero, dell'Università di Verona, e il dottor Franco Bombardini. Verranno svolti quindi ulteriori esami per chiarire se il 53enne sia stati costretti ad assumere delle sostanze che gli avrebbero impedito di difendersi.

La famiglia

Nell’abitazione dove Severi viveva da solo non sono emersi segni di colluttazione. Al vaglio degli investigatori anche la vita familiare. In particolare in passato ci sarebbero stati dei dissidi, sfociati anche in denunce. I sei fratelli di Severi sono stati ascoltati venerdì mattina in Procura. Il lavoro degli inquirenti procede nel massimo riserbo. 

La testa che non si trova

La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti. La pista che viene seguita dai detective è quella dell'omicidio. A trovare il corpo senza vita di Severi è stato un amico, che nella tarda serata di mercoledì ha dato l'allarme ai soccorritori. Un corpo senza testa. Che non è ancora stata trovata. Una testa che sarebbe stata tagliata di netto, secondo quanto emerso dalla prima ispezione sul cadavere. Quando? Con quale arma? E perchè così tanto odio? 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giallo del cadavere decapitato: l'autopsia conferma il taglio netto della testa, ma resta il mistero

ForlìToday è in caricamento