rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico / Corso Armando Diaz

Corso Diaz, il comitato: "Salvati gli alberi, ora piantiamone di nuovi"

Il gruppo spontaneo promotore della "Petizione giù le mani dagli alberi di Forli" ha inviato mercoledì una nuova lettera aperta al Sindaco di Forlì nella quale chiede di rivedere la decisione assunta e di piantare tutti gli alberi mancanti nelle aiuole"

Il gruppo spontaneo promotore della "Petizione giù le mani dagli alberi di Forli" ha inviato mercoledì una nuova lettera aperta al Sindaco di Forlì nella quale chiede di rivedere la decisione assunta e di piantare tutti gli alberi mancanti nelle aiuole di corso Diaz. Il sindaco, infatti, facendo retromarcia sul progetto di riqualificazione del viale, che avrebbe comportato l'abbattimento di 17 alberi, di cui 15 bagolari, ha anche specificato che l'intero progetto di riqualificazione sarebbe stato annullato, a favore di altre zone della città.

E proprio su questo punto il comitato chiede un ripensamento: “Non nascondiamo di essere rimasti un po' delusi quando abbiamo appreso che la decisione di salvare quegli alberi era accompagnata dal proposito di rivedere il progetto e di sospendere la messa a dimora degli alberi mancanti nelle aiuole vuote. Abbiamo immediatamente detto che la decisione risultava incomprensibile, giudicandola un cedimento a chi fin dall'inizio ha sostento "o tutto o niente" mostrando l'assenza di una vera volontà di confronto.

“Abbiamo atteso un mese intero, senza prendere alcuna ulteriore iniziativa, confidando in una sua serena valutazione della questione in considerazione di quanto abbiamo le ribadito subito dopo avere appreso la sua decisione e cioè la piantumazione delle oltre 40 nuove alberature nelle aiuole vuote, la conservazione dei 17 alberi sani, l’espianto delle 6 lagerstroemia e la loro messa a dimora in altro luogo. Riteniamo sbagliata e controproducente la decisione di sospendere la parte di progetto che anche noi abbiamo sostenuto. Se l'intento era quello di addossare a noi la responsabilità della mancata sistemazione della strada possiamo dirle che è totalmente fallito”.

“Il sindaco riconsideri la decisione di un mese fa e dia il via ai lavori da tempo progettati e appaltati, per la parte che concordemente, insieme, abbiamo valutato come meritevole di essere messa in atto. Accettare la nostra proposta sarebbe sarebbe un modo assai significativo di celabrare la festa degli alberi del prossimo sabato. I cittadini che insieme con noi hanno sostenuto questo democratico confronto non potranno che renderle merito, e noi con loro. Sottolineiamo infine ancora una volta che la nostra proposta non riguarda solo la vicenda dei 17 alberi di una strada, essi sono il simbolo di una visione più complessiva che ha l’ambizione di voler contribuire a cambiare le modalità con cui vengono gestiti il verde e gli alberi in questa nostra città, oggetto di critiche e proteste che durano da anni, resi evidenti anche dagli appelli per la conservazione dei platani di San Lorenzo che si vogliono sacrificare per un progetto sbagliato anche tecnicamente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Diaz, il comitato: "Salvati gli alberi, ora piantiamone di nuovi"

ForlìToday è in caricamento