menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, "Un gesto di responsabilità": il sindaco di Galeata si vaccinerà contro il virus

E il primo cittadino di Galeata, Elisa Deo, ha annunciato con un post pubblicato su Facebook la sua adesione a sottoporsi alla vaccinazione

Da metà gennaio sono attese le prime dosi di vaccino anti-covid. E il primo cittadino di Galeata, Elisa Deo, ha annunciato con un post pubblicato su Facebook la sua adesione a sottoporsi alla vaccinazione. Come infermiera, infatti, rientra in una delle categorie prioritarie previste dal Ministero della Salute: "Proprio perché su base volontaria, ricoprendo anche il ruolo di sindaco, ci tengo a dare l'esempio compiendo per prima un gesto di responsabilità - evidenzia -. Vaccinarsi è, prima di tutto, un dovere civico e segno di rispetto verso gli altri".

Deo argomenta la sua decisione: "Se malattie come poliomielite, vaiolo e meningite sono state eradicate è grazie ai vaccini e grazie a tutti coloro che, affidandosi alla scienza, hanno tutelato loro stessi, i loro figli e le generazioni future. Consapevole dell'importanza che riveste il vaccino nella lotta a questo subdolo virus che continua a mietere un numero drammatico di vittime ogni giorno, personalmente condivido appieno la proposta di San Marino: chi non si vaccina dovrà provvedere a pagarsi le cure qualora si ammali. E chi si vuole appellare alla libertà di poter scegliere (cioè di non vaccinarsi), contrappongo una libertà decisamente meno egoistica, ovvero quella di non fare ammalare gli altri".

"Ricordiamoci che la nostra libertà finisce dove inizia quella di qualcun altro - prosegue -. Io scelgo di difendere la salute pubblica ed i più deboli, scelgo il rispetto e la piena responsabilità, Io mi vaccino". Quindi un messaggio ai negazionisti: "Conscia degli sforzi del personale sanitario in questi mesi, so bene che la nostra Sanità Pubblica continuerà a curare con lo stesso scrupolo ed impegno anche chi non la rispetta. Per il principio universalistico che sta alla base del SSN le cure devono essere garantite a tutti indistintamente, ma di sicuro i negazionisti non le meriterebbero".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Rassodare il seno: gli esercizi push up da fare a casa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento