Cristiana, centista con la passione per la scrittura: "Gioia nel rivedere i prof e lacrime nel salutarli"

I cinque anni appena conclusi hanno rappresentato per la giovane "una crescita significativa per moltissimi aspetti"

Cristiana Constantinescu è tra i dodici studenti del Liceo Artistico e Musicale "Antonio Canova" che si è diplomata col massimo dei voti. I cinque anni appena conclusi hanno rappresentato per la giovane "una crescita significativa per moltissimi aspetti", che le hanno consentito maturare la passione per la scrittura e per la letteratura. Passione che si tradurrà con l'inizio di un nuovo percorso di approfondimento.

Cosa ricorderà di questa maturità?
Ricorderò indubbiamente le intense emozioni provate. Ricorderò la gioia smisurata nell'aver potuto guardare negli occhi i miei professori e la tenera nostalgia al termine del colloquio. E' stato come difficile andare via, abbandonare l'aula. Sarei rimasta ancora e ancora, davvero.

All'esame ha assistito un amico o un familiare?
C'era un mio carissimo amico d'infanzia. Ci siamo ritrovati l'estate passata dopo qualche anno di lontananza ed è stato un immenso piacere averlo al mio fianco in questa importante occasione. In questo senso vorrei ringraziare sinceramente la mia famiglia, i miei amici, e tutti coloro che in qualche modo fanno parte della mia vita per il loro prezioso e costante sostegno ed affetto.

Si è trovata bene al Liceo Canova?
Al Liceo Artistico e Musicale ho lasciato un frammento di cuore. Non credo sia necessario aggiungere altro. E' stato un onore far parte di una realtà tanto sincera, tanto umana.

Si immaginava di concludere con un risultato così brillante?
No, ho cercato di dare il meglio di me stessa. 

Cosa ha rappresentato per lei questo percorso scolastico?
Una crescita significativa per moltissimi aspetti. Per quel che mi riguarda, non si è trattato di un percorso solamente scolastico. E' stato un percorso umano, un tragitto lungo il quale ho incontrato delle persone splendide con le quali ho condiviso esperienze che conserverò con tanta cura.

Avrebbe mai immaginato di tornare in classe solo per il colloquio con i prof?
Non avrei mai immaginato di dover concludere in questa maniera. Il periodo tanto delicato che abbiamo affrontato e che stiamo affrontando ci ha avvicinati, però. Penso si possa parlare di commozione non soltanto nell'essersi salutati al termine di un ciclo, come di consueto, ma anche e soprattutto nell'essersi ritrovati dopo tanti mesi trascorsi assieme virtualmente.

Ha qualche hobby o interessi particolari?
Ho un'immensa passione, della quale ho preso piena consapevolezza proprio in questi cinque anni di liceo, per la scrittura e per la letteratura.

Si iscriverà all'università?
Sì, ho deciso di proseguire gli studi. Mi iscriverò alla facoltà di Lettere Moderne a Bologna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento