Un numero per spesa e farmaci a domicilio, la Croce Rossa: "Molti chiamano anche solo per un consiglio"

Anziani, persone fragili e immunodepresse, e soprattutto persone risultate positive al Covid-19 o in quarantena, possono rivolgersi ai volontari della Croce Rossa per ricevere a casa i beni di prima necessità in modo completamente gratuito e in sicurezza.

"È il tempo della gentilezza", dicono alla Croce Rossa: in questo periodo di emergenza nazionale, anche il Comitato di Forlì della Croce Rossa Italiana fa la sua parte, attivando la sala operativa locale per rispondere al meglio alle esigenze del territorio con un servizio di spesa e consegna dei farmaci a domicilio, sotto il nome di progetto "CRI per te!". Anziani, persone fragili e immunodepresse, e soprattutto persone risultate positive al Covid-19 o in quarantena, possono rivolgersi ai volontari della Croce Rossa per ricevere a casa i beni di prima necessità in modo completamente gratuito e in sicurezza.

Dal lunedì alla domenica, dalle 9 alle 20, chiamando al numero 3349413550, si può parlare con un operatore che, appurata la necessità, mobilita sul territorio le macchine che si prestano per questo servizio. Ma come funzionano gli scambi? Gli operatori (personale di Croce Rossa civile e militare) passano dal domicilio a ritirare eventuali ricette (qualora si necessiti di medicine) e il contante, che viene consegnato senza scambi di mano, all'interno di una piccola cassetta dove banconote e monete vengono igienizzate prima di essere utilizzate per pagare in farmacia o al supermercato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche al ritorno, il denaro di resto viene raccolto direttamente dalla cassetta, insieme alla spesa e ai medicinali. "Molti chiamano anche solo per un consiglio: vedendo che si tratta di un numero di Croce Rossa si affidano a noi, nonostante non sia questo lo scopo del servizio." dichiara Davide Gudenzi, recentemente riconfermato presidente del Comitato di Forlì. "A volte le persone si trattengono al telefono per uno scambio di battute o due parole: si avverte nella loro voce la preoccupazione". Ed è proprio in questo momento di necessità che si riconosce lo spirito della Croce Rossa: lavorare al servizio dei più vulnerabili, per superare insieme le difficoltà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Non ce l'ha fatta il motociclista tamponato da un'auto: era un volto noto della città

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento