menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cura degli anziani a casa, in centri diurni e case di riposo: piano di 2 milioni di euro di Comune e Fondazione

Il Comune di Forlì e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì si apprestano a sottoscrivere un nuovo Protocollo d’Intesa per un programma di sostegno alle famiglie con anziani non autosufficient

Il Comune di Forlì e la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì si apprestano a sottoscrivere un nuovo Protocollo d’Intesa per un programma di sostegno alle famiglie con anziani non autosufficienti. La collaborazione tra Comune e Fondazione ha avuto inizio nel 2004, con l’obiettivo di ampliare gli interventi a sostegno degli anziani nei 15 Comuni del comprensorio forlivese, in particolare gli assegni di cura per anziani e i servizi di assistenza domiciliare. Nell’anno 2019 la Fondazione ha finanziato l’ampliamento degli assegni di cura anziani con 250.000 euro su una spesa totale di 1.734.000 euro, consentendo l’attivazione di 261 assegni in più nel comprensorio forlivese.

Per il 2020, il programma di sostegno alle famiglie con anziani è finalizzato a migliorare e sviluppare le opportunità delle famiglie con anziani non autosufficienti di avvalersi di interventi e servizi per l'assistenza a domicilio e di assistenza residenziale specializzata. Recentemente, la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì ha stabilito di destinare finanziamenti per complessivi 473.325 euro per contribuire alla realizzazione del Programma proposto dal Comune di Forlì che ammonta a 2 milioni di euro di finanziamento, articolato in tre progetti: oltre alla conferma e potenziamento dell’intervento dell’assegno di cura, vede due nuove azioni come il sostegno ai centri diurni per anziani non accreditati per contenere le rette in periodo di emergenza Covid e sostegno alle famiglie per l’assistenza nelle case di riposo agli anziani.

Assegno di cura

L’intervento dell’assegno di cura consiste in un contributo economico per le famiglie che si prendono cura a domicilio di un anziano non autosufficiente, permettendogli di rimanere, con adeguata assistenza, nel proprio contesto abitativo, sociale ed affettivo. I beneficiari dell’assegno sono individuati tra gli anziani non autosufficienti valutati dall’Unità di Valutazione Geriatrica (UVG); l’entità del contributo è definita in base al livello di bisogno assistenziale. Si può accedere all’intervento con ISEE inferiore 25.000 euro. Chi ha ISEE inferiore a 20.000 euro e si avvale di assistente familiare, può ottenere un contributo aggiuntivo all’assegno di cura, pari a 160 euro mensili. L’ampliamento dell’intervento dell’assegno di cura è previsto a favore degli anziani residenti in tutti i Comuni del Comprensorio forlivese, di cui il Comune di Forlì è capofila. L’ampliamento è finanziato dal contributo concesso dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, pari a 330mila euro, su un totale di spesa stimato di 1.750.000 euro.

Centri diurni

I centri diurni accolgono persone anziane non autonome, offrendo attività assistenziali e ricreative. Si tratta di risorse importanti per le famiglie, alleviando il peso dell’assistenza alla persona non autosufficiente durante il giorno e consentendo anche al caregiver (ovvero al familiare che lo assiste) lo svolgimento di attività lavorative. I provvedimenti adottati a livello nazionale e regionale per prevenire e contrastare la diffusione del contagio da Covid-19 hanno reso necessaria la rimodulazione di tali servizi, con conseguente incremento dei costi sia per il personale, sia per le forniture di dispositivi di protezione. Per evitare che i maggiori costi vadano a gravare sulle rette a carico delle famiglie, il Comune di Forlì, grazie al contributo di 70.000 euro della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, erogherà contributi economici ai soggetti del Terzo Settore che gestiscono attività assistenziali e ricreative per anziani in Centri diurni non accreditati. I gestori beneficiari saranno individuati entro fine 2020, a seguito di pubblicazione di apposito avviso contenente i criteri di selezione.

Sostegno per le rette delle case di riposo

Numerose famiglie esprimono una richiesta di assistenza residenziale, in particolare per gli anziani con condizioni di non autosufficienza più gravi e complesse e/o qualora il caregiver non sia in condizioni di garantire adeguata assistenza a domicilio, anche per esigenze temporanee. Tuttavia l’accesso alle case di riposo non è sempre agevole, se la famiglia non è in condizione di sostenere il pagamento della retta in strutture private e non riesca ad ottenere l’inserimento in una delle strutture accreditate, che prevedono rette calmierate. Il Comune di Forlì, in collaborazione con la Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, intende agevolare le famiglie del proprio territorio nell’accesso alle strutture residenziali private per anziani, attraverso l’erogazione di contributi economici per il pagamento della retta, da riconoscere alle famiglie con maggiori difficoltà, sia in relazione alla condizione economica che in relazione agli elevati bisogni assistenziali dell’anziano.

Potranno beneficiare dei contributi le persone anziane non autosufficienti, debitamente valutate, che necessitano di assistenza nelle 24 ore, con famiglie in difficoltà nel prestare l'assistenza a domicilio e non in grado di sostenere interamente i costi dell’inserimento residenziale (Isee non superiore a 15.000 euro). Il contributo è erogabile a favore degli anziani residenti nel Comune di Forlì, per l’accesso a posti residenziali privati non accreditati in case famigli,  gruppi appartamento o comunità alloggio oppure case di riposo o case residenza per anziani non autosufficienti (CRA), regolarmente autorizzate al funzionamento. L’inserimento residenziale può avere carattere stabile oppure temporaneo, per esigenze di sollievo familiare o altre necessità del caregiver. Per queste famiglie è previsto un contributo mensile variabile da 150 a 500 euro, per la durata massima di 1 anno. Per l’erogazione dei contributi è destinata la somma complessiva di 173.325 euro, di cui 73.325 erogati dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e 100.000 a carico del Comune di Forlì. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Scroccadenti romagnoli, uno tira l'altro: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento