Cronaca

Da Gravina in Puglia a Forlì, volontaria in Croce Rossa e centista al Ruffilli. Alessandra: "Ora il test in Medicina"

Alessandra, 19 anni, si definisce "una persona ambiziosa e determinata a cui piace essere utile per il prossimo"

Da Gravina in Puglia e Forlì. Un trasferimento, avvenuto cinque anni fa, che ha rivoluzionato la vita di Alessandra Pasqua Olivieri. Ha frequentato l'istituto "Ruffilli", completando il percorso di studi col massimo dei voti. Alessandra, 19 anni, si definisce "una persona ambiziosa e determinata a cui piace essere utile per il prossimo. Infatti sono anche una volontaria della Croce Rossa Italiana e ho frequentato il corso per la qualifica Oss".

Si è diplomata con 100/100. E' un risultato che ha richiesto molto impegno? 
E’ un risultato che ha richiesto impegno, si; un esito ottenuto soprattutto grazie alla costanza impiegata in questo percorso durato cinque anni.

Come è cambiata Alessandra negli ultimi cinque anni? 
Tanto, ho sempre cercato di migliorarmi. Sicuramente il trasferimento è stato l’avvenimento che ha portato i maggiori cambiamenti, passare da un paese ad una città non è stato facile, cambiare le abitudini, conoscere altri usi e costumi decisamente differenti da quelli a cui ero abituata mi ha portato ad avere una visione più ampia riguardo l’ambiente circostante, ad accrescere la mia capacità di adattamento; le esperienze di vita mi hanno portato a maturare in differenti ambiti, sicuramente ho ampliato le mie conoscenze e le esperienze di stage hanno potenziato le mie abilità di relazione e comunicazione.

Gli ultimi mesi sono stati particolarmente pesanti a causa dell'emergenza sanitaria. Le è mancata la scuola? 
Non nascondo che mi sono abituata facilmente ai nuovi ritmi conseguenti la didattica a distanza ciò nonostante mi è mancata la scuola perché da un punto di vista formativo, le lezioni in aula, sono più performanti. Abbiamo riscontrato diverse problematiche legate alla connessione, qualità video e audio peraltro pochi giorni prima della chiusura delle scuole, per motivi di famiglia, ci siamo recati nella nostra seconda sede in Puglia, la cui permanenza anziché durare qualche giorno si è protratta sino al termine del lockdown, per tal motivo ho affrontato la situazione con ulteriori problematiche in quanto non disponevo di parte del materiale didattico.

Oltre allo studio ha qualche hobby o passione? 
Certamente, amo leggere gialli e ballare, pratico differenti stili del genere latino americano.

Ha già in mente cosa farà?
Si, intendo proseguire gli studi in ambito sanitario, a settembre proverò a superare i test di ammissione per le facoltà di medicina e infermieristica.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Gravina in Puglia a Forlì, volontaria in Croce Rossa e centista al Ruffilli. Alessandra: "Ora il test in Medicina"

ForlìToday è in caricamento