Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca Dovadola

Dal 16 maggio lavori senza sosta per rimuovere le frane: riapre la Tosco Romagnola, ma un tratto resta vietato a bici e moto

"La riapertura al traffico della Statale 67, dove rimane attivo il presidio, è stata possibile in virtù degli importanti interventi eseguiti dal personale Anas e dalle Squadre incaricate, in alcuni casi avvenuti anche grazie alla sinergia e collaborazione del personale e dei mezzi delle forze dell’ordine tra cui i Vigili del Fuoco", informa Anas.

Ha riaperto lunedì al traffico la strada statale 67 “Tosco Romagnola” da Dovadola fino al confine con la Toscana. Nel dettaglio il tratto incluso tra i comuni di Dovadola e Rocca San Casciano – dal chilometro 163+600 al chilometro 169 – è aperto al traffico dalle 6 alle 23 mentre in orario notturno il transito viene consentito ai soli mezzi di soccorso ed emergenza. Ai fini di garantire la sicurezza stradale, qualora venga emessa una allerta meteo di codice rosso per rischio idrogeologico, o per criticità idraulica o per criticità temporali, nello stesso tratto sarà istituita la chiusura al traffico – in via precauzionale per l’intera durata dell’allerta – a tutti i mezzi ad eccezione di quelli di emergenza e soccorso.

Inoltre, dal chilometro 146 al chilometro 173 vige il divieto di transito ai cicli e motocicli. Mentre tra il chilometro 142,270 e il chilometro 178,300 è disposto il divieto al transito per i mezzi pesanti con massa superiore alle 32 tonnellate. Lungo la statale, dove sono attivi in diversi punti sensi unici alternati o restringimenti di carreggiata, vige il limite di velocità a 50 chilometri orari e il divieto di sorpasso.

La chiusura al traffico della Statsle si era resa necessaria a causa delle innumerevoli frane e smottamenti che si sono verificati nel corso della forte ondata di maltempo che ha colpito la regione Emilia-Romagna. Dalla chiusura della statale, lo scorso 16 maggio, Anas ha lavorato senza sosta per poter riaprire rapidamente la tratta ai mezzi di soccorso ed emergenza e successivamente, ripristinare le condizioni necessarie per consentire il transito ai mezzi e veicoli.

"La riapertura al traffico della Statale 67, dove rimane attivo il presidio, è stata possibile in virtù degli importanti interventi eseguiti dal personale Anas e dalle Squadre incaricate, in alcuni casi avvenuti anche grazie alla sinergia e collaborazione del personale e dei mezzi delle forze dell’ordine tra cui i Vigili del Fuoco", informa Anas.

Lungo la Statale 67 sono stati eseguiti importanti interventi tra cui la rimozione del materiale riversatosi sul piano viabile, la posa di new jersey di cemento a bordo strada per sostituire temporaneamente i guard-rail danneggiati delle frane, la pulizia del piano viabile, la realizzazione di opere di protezione lato monte. Contestualmente proseguono le attività di monitoraggio dei versanti, di programmazione di ulteriori interventi volti alla completa e definitiva risoluzione degli ingenti danni provocati dal maltempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 16 maggio lavori senza sosta per rimuovere le frane: riapre la Tosco Romagnola, ma un tratto resta vietato a bici e moto
ForlìToday è in caricamento