Dal Canada alla scoperta della cucina domestica a Casa Artusi

A seguito di questa esperienza gli chef canadesi, nel mese di giugno, organizzeranno degli eventi di degustazione nei loro ristoranti

Dal Canada all’Italia con tappa d’obbligo a Casa Artusi. È avvenuto nei giorni scorsi nell’ambito del progetto Authentic Italian table della Camera di Commercio Italiana dell’Ontario (Toronto) insieme a Roberto Fracchioni, docente di origine piacentina del Centennial College, che ha condotto alla scoperta del bello ed il buono in Emilia-Romagna, gli chef Fraser Macfarlane, Andrew Thorne e Michael Russell.

Grande è l’interesse in Canada per il manuale artusiano, conosciuto grazie alla versione in lingua inglese pubblicata dalla University of Toronto Press. Il Canada (Ontario, Quebec e British Columbia) è stato al centro nel novembre scorso anche di un’importante azione della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana a Toronto, nella quale la Vicedirettrice, Tiziana Tedesco, ha favorito e promosso il tour nel nostro Paese.

All’arrivo a Forlimpopoli, in Casa Artusi, gli ospiti sono andati alla scoperta del patrimonio culturale di cui la città artusiana è depositaria e dell’articolato e significativo progetto che ruota attorno al tema della cucina di casa. In Scuola di Cucina hanno fatto esperienza della preparazione della pasta fresca fatta a mano attraverso le volontarie dell’associazione delle Mariette di Forlimpopoli, i secondi piatti di carne e pesce con il Maestro Paolo Teverini (Vice Presidente Associazione Chef to chef emiliaromagnacuochi) e lo street food con il Maestro Fabrizio Mantovani.

Il tour è proseguito a Cesena nel Campus di scienze e tecnologie degli alimenti dell’Università di Bologna, dove sono stati accolti da Alessandra Bendini e, guidati da Enrico Valli e da Enrico Casadei, hanno effettuato una degustazione d’olio d’oliva. In tale occasione hanno sperimentato l’attività di analisi sensoriale per la verifica della corrispondenza ai parametri organolettici presenti nei disciplinari Dop Brisighella e Dop Colline di Romagna.

Il tour ha fatto tappa anche in un Caseificio di produzione del Parmigiano Reggiano Dop, nell’Azienda agricola e relais Antica Corte Pallavicina che produce Culatello di Zibello DOP, in una Acetaia di produzione dell’Aceto Balsamico di Modena Dop, in uno stabilimento di produzione Piadina Romagnola Igp e naturalmente i cuochi canadesi hanno vissuto l’esperienza unica e straordinaria di Fico Eataly World.

Il tour si è concluso con la visita al Vinitaly, ospiti di Enoteca Regionale Emilia-Romagna. A seguito di questa esperienza gli chef canadesi, nel mese di giugno, organizzeranno degli eventi di degustazione nei loro ristoranti per condividere con i propri clienti le eccellenze agroalimentari del territorio romagnolo.

CASA ARTUSI Mantovani e chef Canadesi-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

  • Balzo degli infetti nel Forlivese: +36 in 24 ore. In Rianimazione ci sono 11 positivi al virus

Torna su
ForlìToday è in caricamento