menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal Mareva Day 2012, a Forlì c'è un defibrillatore in più

Il 10 gennaio 2011 è deceduta Mareva Sali di anni 38 per una morte improvvisa. La famiglia e gli amici la vogliono ricordare con un progetto di solidarietà dedicato ai giovani: nel 2012 nasce il Mareva Day

Sabato è stato ufficialmente consegnato un defibrillatore pubblico in ricordo di Mareva Sali, deceduta a 38 anni, per morte improvvisa, il 10 gennaio 2011. I fondi per questa donazione sono stati raccolti in occasione del MarevaDay 2012, una giornata di festa per ricordare tutti insieme, famiglia e tanti amici, un'occasione per esorcizzare un grande dolore attraverso un progetto di solidarietà dedicato ai giovani. Destinazione del DAE, l'atrio di una grande scuola, con ampi spazi dedicati allo sport: il Liceo Scientifico Fulcieri Paulucci di Calboli di Forlì.

Nella stessa giornata si è tenuto anche il corso di BLS-D (Basic Life Support - Defibrillation) secondo le linee guida della AHA (American Heart Association), rivolto ai ragazzi del liceo, a cura del Dott. Maurizio Cecchini (Specialista in Cardiologia, Scuola di Specializzazione in Medicina di Urgenza Università di Pisa, Responsabile Terapia Sub-Intensiva, U.O. Medicina di Urgenza Universitaria, Università di Pisa, Ospedale S. Chiara), ideatore e amministratore del sito di medicina d'urgenza www.checchinicuore.org.

All'incontro è intervenuto anche il Marco Spada, Medico esperto del Pronto Soccorso dell'Ausl di Forlì, nonché Responsabile della Defibrillazione del Territorio Forlivese. In Italia, ogni 7 minuti muoiono 200 persone per morte improvvisa, un'epidemia silenziosa che non si può più ignorare. Gli oltre 70.000 decessi l'anno, sommati a quei sopravvissuti che in molti casi necessitano di assistenza specializzata, sono un prezzo intollerabile per una società che si ritiene civile. Occorrerebbe una distribuzione capillare di defibrillatori, di certo la legge parla di luoghi ad alta affluenza di pubblico (G.U. N.129 DEL 6/6/2011).

Per tutto questo, da ben 5 anni, si batte il sito di Medicina d'Urgenza www.checchinicuore.org, la fonte di ispirazione per questo progetto, fermo sostenitore della defibrillazione precoce, e che festeggia a Forlì il 118mo defibrillatore "a cui ha dato vita"! L'evento ha preso il nome dalla recente campagna a cui CecchiniCuore ha preso parte a Sanremo durante l'ultimo festival, e che ha avuto come testimonial Lorella Cuccarini: "Mantieni il ritmo...del cuore!" E per restare in tema di musica - un tema molto caro a Mareva!, vogliamo aggiungere "Stayin Alive!": il ritmo perfetto per il massaggio cardiaco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento