Dal "Piccolo chimico" al diploma da centista, Lorenzo subito sui libri: "Voglio entrare a Medicina"

Lorenzo Rabiti non ha avuto dubbi nel scegliere l'Istituto tecnico industriale dopo le medie e specializzarsi in chimica col massimo dei voti

Nella foto Lorenzo con la cugina Angela

La passione per la chimica è iniziata sin dalla tenera età, giocando al "Piccolo chimico". Lorenzo Rabiti non ha avuto dubbi nel scegliere l'Istituto tecnico industriale dopo le medie e specializzarsi in chimica col massimo dei voti. Ma Lorenzo già sui libri, perchè settembre si è avvicina ed ha un'importante missione da completare. Racconta di se: "Sono un ragazzo un po introverso, ma sempre disponibile ad aiutare gli altri. Sono molto determinato e mi impegno al massimo per raggiungere i miei obiettivi".

Qual è stato il suo primo pensiero al termine dell'esame di maturità?
Ho finalmente tirato un sospiro di sollievo soddisfatto di come avevo sostenuto la prova, ma dopo un po’ di festeggiamenti mi sono riattivato per studiare e prepararmi al meglio per il test di ingresso dell’Università.

Si Immaginava di diplomarsi col massimo dei voti?
Sinceramente ci contavo, perché in questi anni mi sono sempre impegnato tantissimo dando sempre il massimo.

Tre anni fa ha scelto di specializzarsi in chimica. Come mai?
Sin da piccolo la chimica è stata una materia che mi affascinava, forse anche grazie ai giochi della mia infanzia come il "Piccolo chimico". Nel corso dei miei studi ho poi avuto la fortuna di incontrare professori che mi facessero appassionare sempre di più a questa disciplina.

Una sua riflessione sugli ultimi mesi lontano dai banchi e corridoi dell'Itis
Mi è dispiaciuto tantissimo perdere gli ultimi mesi della quinta superiore, mesi che tutti mi hanno sempre descritto come i più belli, e soprattutto mi è dispiaciuto non vivermi le emozioni degli ultimi giorni insieme ai miei compagni anche ai professori.

Nella vita privata coltiva qualche hobby?
Sono un amante della buona tavola e amo cucinare, in particolare dolci, ma mi piace anche mantenermi in forma andando in palestra e camminando in montagna.

Quali sono le prossime sfide?
La più importante in cui spero di riuscire è sicuramente entrare nella facoltà di medicina e chirurgia e per il resto sono pronto a cogliere con entusiasmo ogni nuova sfida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella foto Lorenzo insieme alla cugina Michela, neolaureata in economia ("mi è sempre stata vicino e mi ha sostenuto in ogni momento").

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Forlì spiccherà il volo verso Spagna, Germania e Ungheria: ufficializzata la terza compagnia

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

  • L'aeroporto di Forlì alla conquista del Mediterraneo: si allunga la lista delle compagnie

  • Coronavirus, contagi in aumento. Bonaccini non esclude una stretta sulle scuole

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento