rotate-mobile
Cronaca

Qualità dell'aria, caldo e piogge hanno limitato in ottobre gli sforamenti di pm10

 Dal punto di vista pollinico, il mese ha evidenziato pochissime presenze di famiglie allergizzanti

Durante il mese di ottobre si sono registrati i primi superamenti del pm10 del periodo autunnale. Tuttavia, informa Arpae, "il numero di superamenti è rimasto contenuto, complici le temperature relativamente elevate in alcune settimane e la piovosità di altri periodi. Gli altri inquinanti si sono mantenuti abbondantemente sotto ai limiti". La centralina installata al Parco Della Resistenza dal primo gennaio ha visto 16 sforamenti, mentre quella di viale Roma 29 e quella in via Grigione (zona inceneritore) 20. Il limite massimo consentito è di 35 sforamenti annui. Per quanto riguarda l'ozono non sono ammessi più di 25 sforamenti annui come media su 3 anni, ma la soglia rossa è stata già superata: per 26 volte l'ozono ha superato il limite di guardia (dato misurato al Parco Della Resistenza). Dal punto di vista pollinico, il mese ha evidenziato pochissime presenze di famiglie allergizzanti. "In novembre si potrebbero registrare ancora alcune fioriture del cedro del Libano, ma in generale le concentrazioni polliniche si manterranno basse", spiegano da Arpae.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità dell'aria, caldo e piogge hanno limitato in ottobre gli sforamenti di pm10

ForlìToday è in caricamento