Decidono di fare il giro della diga, ma sbagliano sentiero: paura per due escursionisti

Solo nell'anno 2020 il CNSAS è già il dodicesimo intervento che fa in quella zona e sempre per lo stesso motivo: perdita di orientamento

Brutta avventura per due ragazzi, un uomo e una donna che sono andati nella giornata di sabato a fare una passeggiata nei dintorni della diga di Ridracoli, approfittando del clima di questi giorni, molto gradevole e con temperature al di sopra della media stagionale. Partiti alla mattina, intorno alle 10, dal parcheggio della diga, hanno iniziato a salire verso il crinale con l’intenzione di fare il giro diga che si sviluppa ad anello. Arrivati nei pressi del Poggio della Gallona, che si trova sul versante sinistro orografico della diga, da dove si estende un labirinto di sentieri vecchi e già in disuso, hanno imboccato uno dei tanti sentieri che scende verso valle. Purtroppo non era il sentiero giusto. I due ragazzi si sono accorti di essere fuori via quando davanti a loro si sono trovati dei pericolosissimi salti di roccia. Impauriti, anche perchè iniziava a fare buio, hanno preso una saggia decisione. Si sono fermati e hanno chiamato il 112. Sono circa le 18.50. 

A rispondere alla richiesta di soccorso sono stati i Carabinieri di Meldola che hanno attivato immediatamente il CNSAS stazione Monte Falco, che ha inviato sul posto due squadre della valle del Bidente composte da 10 tecnici e i Carabinieri Forestali di Corniolo. Contemporaneamente viene preallertata anche la squadra della bassa valle che ha mandato in avvicinamento altro personale. In zona non c’era copertura telefonica e quindi non è stato possibile attivare la procedura dell’SMS locator. 

La prima squadra ad arrivare nelle vicinanze della zona indicata, ha iniziato a salire verso monte, prima con il mezzo fuoristrada, poi proseguendo a piedi. E’ a questo punto che un tecnico del CNSAS ha intravisto le luci della loro lampada frontale, ma si è accorto che non erano nel posto precedentemente indicato, ma si trovavano nella collina di fronte. Una seconda squadra composta da operatori del CNSAS e da Carabinieri Forestali che era già partita da monte, iniziando la ricerca da S.Paolo in Alpe passando sul crinale di Campo Minacci, è stata guidata, via radio, dal personale che si trovava più a valle e che vedeva molto bene le luci, sui due dispersi. Nel frattempo, è stato avvertito il personale della casa di guardia della diga che ha provveduto ad accendere tutte le luci dell’invaso artificiale: così facendo, vi era un importante punto di riferimento visibile da lontano. La terza squadra preallertata in precedenza, è stata fatta arrivare sul posto e posizionata sul muro della diga, in modo tele che, vedendo le luci nel bosco di fronte, potesse guidare gli operatori verso i due dispersi che sono stati raggiunti intorno alle 23.45. Si tratta di un uomo di 26 anni residente a Firenze e di una donna di 25 residente a Forlì, che non avevano  problemi di tipo sanitario, erano solo un po infreddoliti e molto provati dall’elevato stress emotivo. 

Accertate le loro condizioni di salute, i due sono stati riaccompagnati a valle e dopo una lunga e faticosa discesa hanno raggiunto il parcheggio della diga. I due dispersi son stati poi accompagnati con il mezzo del CNSAS a Ridracoli dove avevano la loro macchina. Il Soccorso Alpino già più volte ha segnalato e informato, nelle sedi competenti, che quei sentieri già in disuso devono essere messi in sicurezza e corredati di segnaletica adeguata, visto che continuano a essere molto frequentati. Solo nell'anno 2020 il CNSAS è già il dodicesimo intervento che fa in quella zona e sempre per lo stesso motivo, perdita di orientamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • La sciagura del ciclista ucciso, "Era generoso e scherzoso". L'automobilista indagata per omicidio stradale

  • La rabbia del titolare del ristorante: "Lo Stato mi nega il ristoro, io riapro"

Torna su
ForlìToday è in caricamento