Denuncia aggressione in Piazza Saffi. Alla Polizia dà un nome falso e finisce nei guai

L’accertamento è avvenuto lunedì pomeriggio in occasione dell’intervento delle Volanti per una segnalazione di aggressione in piazza Saffi

Denuncia un'aggressione, ma finisce nei guai per aver fornito un nome falso. Protagonista della vicenda un congolese di 19 anni, denunciato per "false dichiarazioni sull’identità personale a pubblico ufficiale". Il fatto è avvenuto lunedì pomeriggio: è stato il 19enne a chiedere l'intervento delle Volanti della Questura di Forlì per un'aggressione in piazza Saffi, giunta alla sala operativa. Gli agenti intervenuti hanno raccolto la deposizione del ragazzo, che ha riferito di essere stato preso a schiaffi da uno sconosciuto, senza una valida ragione, mentre era in attesa dell’autobus alla fermata della pensilina davanti all’Ufficio Postale.

Con lui c’era anche un altro giovane, testimone dei fatti, che ha confermato questa versione dei fatti. L’aggressore, all’arrivo degli agenti, si era già allontanato e non è stato rintracciato nei pressi; per completare il loro rapporto, gli operatori hanno richiesto le generalità dell’aggredito, il quale non aveva al seguito nessun documento identificativo e non era neppure in grado di attestare la sua regolare presenza sul territorio italiano.

Siccome con il nome che aveva fornito non è risultato nessuno straniero regolarizzato, è stato accompagnato in ufficio così che al termine delle procedure per l’identificazione mediante il rilevamento delle impronte digitali da parte della Polizia Scientifica, è risultato che il suo vero nome era un altro, e che non era in possesso di permesso di soggiorno, poiché scaduto e non rinnovato nei tempi previsti. Così, è stato denunciato alla magistratura per la falsa dichiarazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • L'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì torna in televisione in prima serata sulle reti Rai

  • E' in Rianimazione per la meningite, scatta la profilassi per ben 80 persone entrate in contatto col malato

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Nuovo caso di meningite: paziente ricoverato in Rianimazione. Scattata la profilassi

Torna su
ForlìToday è in caricamento