Viola il provvedimento del giudice, trovato con munizioni in casa: denunciato

Gli investigatori hanno bussato alla porta dell'indagato venerdì mattina dopo aver ricevuto un'informativa circa il possesso dell'uomo di un'arma revolver

Custodiva una pistola lancia razzi e armamento da guerra, ora comuni da sparo, in casa, violando un provvedimento prescritto dalla giudice. Un cinquantenne forlivese è stato denunciato a piede libero dagli agenti della Volante della Questura di Forlì con l'accusa di detenzione illegale di armi e munizioni. Gli investigatori hanno bussato alla porta dell'indagato venerdì mattina dopo aver ricevuto un'informativa circa il possesso dell'uomo di un'arma revolver.

Pistola che il cinquantenne non poteva più detenere in quanto nel 2014 aveva ricevuto un'ammonizione per atti persecutori in ambito familiare, con l'obbligo di consegnare tutte le armi a disposizione. La perquisizione ha permesso agli agenti di trovare e sequestrare una pistola lancia razzi custodita in una cassaforte e numerose munizioni. Al termine dell'accertamento è stato quindi indagato in stato di libertà ai sensi della legge 895 del 1967 (articoli 2,3 e 7) e per la mancata consegna delle armi al momento della notifica avvenuta nel 2014.

valzania-polizia-2

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Arriva al pronto soccorso e muore in poche ore, ucciso da una meningite fulminante

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento