rotate-mobile
Mercoledì, 30 Novembre 2022
Territorio

Dissesto idrogeologico, vedono il traguardo 24 progetti del Piano di Sviluppo Rurale dedicati alla montagna

Il Consorzio di Bonifica della Romagna ha ultimato i lavori di 24 interventi finanziati coi Fondi Europei dedicati alla prevenzione di danni da fenomeni franosi della collina e della montagna, a tutela delle aziende che lì vivono e lavorano

Ben 24 interventi sono stati finanziati per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro. Il Consorzio di bonifica della Romagna ha partecipato all’ambizioso progetto di prevenzione del rischio idrogeologico voluto dalla Regione, progettando numerosi interventi nel proprio ambito montano. Un gettito importante per le nostre aziende montane romagnole a salvaguardia del loro potenziale produttivo agricolo in aree spesso a rischio calamità naturali e avversità climatiche.

L’iter, partito nel 2019 a seguito di un monitoraggio e valutazione tecnica di tipo geologico delle reali necessità del comprensorio, ha portato alla stesura di 24 progetti con richiesta di finanziamento alla Regione, ottenendone per tutte l’approvazione.  Le aziende coinvolte, agricole e zootecniche, presentavano dissesti significativi che, se non affrontati, potevano degenerare con conseguenze pesanti per l’ambiente e le economie del territorio. 

Nell’estate del 2021 sono partiti i cantieri con un cronoprogramma lavorativo che ha rispettato tempi e obiettivi. Nonostante Emergenza Covid e aumento dei prezzi, il Consorzio di Bonifica della Romagna ha portato avanti tutti i cantieri facendo forza sulla professionalità di aziende esecutrici, molte del territorio. 
Ora siamo giunti al termine di questi importanti lavori: gli Interventi ultimati e collaudati sono in totale 18, i restanti 6 sono in corso di collaudo che si concluderanno comunque entro ottobre 2022.

"Si è passati dalla cultura del “rimediare al dissesto” a calamità avvenuta, al “Prevenire il dissesto” - afferma il presidente del Consorzio di Bonifica Stefano Francia -. Questa nuova filosofia abbraccia una politica Consortile volta ad avere cura del territorio con azioni che mettono in sicurezza non solo le aree pubbliche ma anche private, quando i finanziamenti pubblici lo permettono. I progetti della Bonifica vogliono essere sempre più di aiuto e supporto alle imprese, ringraziamo la Regione per la misura 5.1 01 e gli enti comunali che hanno supportato i lavori. Ancora una volta si rivela il ruolo chiave della Bonifica nel fare rete con i soggetti del territorio".

I comuni interessati dai progetti sono Montescudo-Monte Colombo, Santarcangelo, Roncofreddo, Sogliano al Rubicone, Bagno di Romagna, Sarsina, Santa Sofia, Bagno di Romagna, Santa Sofia, Rocca San Casciano, Predappio, Castrocaro Terme, Meldola, Roncofreddo, Santa Sofia, Cesena, Mercato Saraceno, Portico e San Benedetto e Roncofreddo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dissesto idrogeologico, vedono il traguardo 24 progetti del Piano di Sviluppo Rurale dedicati alla montagna

ForlìToday è in caricamento