rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Dolori insopportabili da quando il dentista le ha lesionato un nervo: maxi-risarcimento da 270mila euro

E' quanto ha definito la Corte d'Appello civile di Bologna, che doveva valutare il caso di un dentista riminese che nel 2006 si trovò ad intervenire su una donna all'epoca di 39 anni

La sentenza del secondo grado di giudizio è arrivata a 15 anni dal fatto e ha stabilito un risarcimento stratosferico di 270mila euro che arriva per almeno compensare il lungo dramma che una paziente di un odontoiatra del Riminese sta vivendo dal giorno di quell'operazione che doveva essere banale, ma che è finita nel peggiore dei modi.  

E' quanto ha definito la Corte d'Appello civile di Bologna, che doveva valutare il caso di un dentista riminese che nel 2006 si trovò ad intervenire su una donna all'epoca di 39 anni per l'allungamento di una corona di un dente. Il lavoro del dentista è però arrivato lì dove non sarebbe mai dovuto giungere, vale a dire fino al nervo trigemino, che secondo la controparte è stato lesionato. Questo ha comportato continui mal di testa, vomito e dolori che, a causa di quel tipo di lesione, possono essere tra i più intensi che si possano provare. Un danno che è stato riconosciuto non solo fisico, ma anche relazionale in quanto da quel momento sono cambiate le abitudini di vita della paziente, che ha anche dovuto lasciare il lavoro.

Difesa dall'avvocato Paride Agnoletti, la malcapitata, residente a Forlì, aveva già ottenuto un risarcimento da 366mila euro circa in primo grado, al Tribunale di Rimini. La sentenza è stata quindi appellata in secondo grado, ma l'impianto sostanziale è rimasto lo stesso, con un risarcimento rimodulato in 271.750 mila euro. Al dentista, anche la condanna alla parte principale delle spese di difesa. Anche l'assicurazione era parte coinvolta nel giudizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dolori insopportabili da quando il dentista le ha lesionato un nervo: maxi-risarcimento da 270mila euro

ForlìToday è in caricamento