Positivo al covid-19, Don Enrico Casadei Garofani ricoverato. Il vescovo in quarantena

"Sono in comunicazione costante con don Enrico via social - afferma Corazza in un messaggio inviato per email ai sacerdoti - ora è in miglioramento"

Don Enrico Casadei Garofani, parroco di Schiavonia e della SS. Trinità è risultato positivo al coronavirus. Da martedì è ricoverato nel reparto malattie infettive del Morgagni-Pierantoni, non in terapia intensiva. Il vescovo, Livio Corazza, don Enrico Casadio, parroco di San Mercuriale e padre Florin Hanis, parroco della comunità romena ortodossa, che nei giorni scorsi hanno avuto contatti con don Casadei, si sono sottoposti al tampone e all’esame sierologico, risultati entrambi negativi, ma dovranno comunque rimanere in quarantena fino al 13 ottobre.

"Sono in comunicazione costante con don Enrico via social - afferma Corazza in un messaggio inviato per email ai sacerdoti - ora è in miglioramento. Don Enrico ha seguito sempre scrupolosamente i protocolli di sicurezza e, fino a questo momento, non risulta aver contratto il virus chi è entrato in contatto con lui. Ho constatato di persona come le autorità sanitarie continuano a seguire quotidianamente coloro che sono in quarantena anche se negativi.".

Il vescovo non potrà quindi presenziare agli impegni già agenda tra i quali sabato l’amministrazione del sacramento della cresima a Vecchiazzano e a San Giovanni Evangelista e domenica l’amministrazione della cresima a San Giuseppe Artigiano e l’ingresso dei nuovi parroci a Bertinoro e a San Pietro in Trento e sarà sostituito dal vicario generale, mons. Pietro Fabbri e dai vicari episcopali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle parrocchie e nelle chiese, nella celebrazione delle messe e dei sacramenti e nelle varie attività pastorali, continuano ad essere applicati i protocolli anticovid previsti per la sicurezza. Conclude monsignor Corazza: "Colgo l’occasione per raccomandare a tutti massima prudenza, per la propria e altrui salute. Ci attendono giorni da vivere con responsabilità e fiducia. Il Signore è vicino e ci sostiene sempre. Vi chiedo di pregare per noi, per il personale sanitario e per tutte le persone che ogni giorno soffrono a causa del covid e delle sue conseguenze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Travolto all'uscita della scuola: bimbo trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento