Il fondatore dell’Opera Madonnina del Grappa Don Giulio Facibeni dichiarato Venerabile

Così il vescovo: "Siamo commossi e grati per questi doni e sentiamo ancor di più la responsabilità della nostra testimonianza"

Una nuova tappa del processo di beatificazione di don Giulio Facibeni, originario di Galeata e fondatore dell’Opera Madonnina del Grappa, che l’11 dicembre è stato dichiarato Venerabile da papa Francesco. "E’ un anno straordinario per la nostra comunità - afferma il vescovo Livio Corazza - che ha visto prima la beatificazione di Madre Clelia Merloni e di Benedetta Bianchi Porro e ora la dichiarazione di Venerabilità di don Giulio Facibeni. Siamo commossi e grati per questi doni e sentiamo ancor di più la responsabilità della nostra testimonianza. La santità di questi e di tanti altri testimoni della nostra Diocesi ci insegna che possiamo parlare di Dio solo andando incontro, stando vicino e amando le persone come ha fatto don Facibeni in tutta la sua vita".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nato a Galeata il 28 luglio 1884, don Giulio fu ordinato sacerdote il 21 dicembre 1907 e nominato viceparroco a Rifredi nella pieve di Santo Stefano in Pane, zona popolare e operaia di Firenze. Partì poi come cappellano militare assistendo i soldati sul fronte dell’Isonzo e sul Monte Grappa. Tornato a Rifredi il 4 novembre 1924 pose la prima pietra dell’Opera della Divina Provvidenza Madonnina del Grappa luogo di accoglienza per orfani di guerra e minori disagiati. Oggi l’Opera continua con diverse case famiglie, una anche a Galeata, centri di formazione professionale e ha sedi anche in Albania e Brasile. Don Facibeni morì il 2 giugno 1958 a Rifredi, dove dal 2017 è sepolto nella sede dell’Opera.  Il 10 agosto 1989 a Firenze è stato aperto il processo di beatificazione e il 2 settembre 1996 è stato iscritto nell’albo dei “Giusti fra le nazioni” per la sua opera a favore degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Cervese alle prime luci del mattino, c'è un morto: chiusa al traffico la strada

  • L'auto sbanda e invade la corsia opposta: lo schianto è inevitabile, muore un uomo di 59 anni

  • Prima sfuriata temporalesca nel Forlivese, venti oltre i 70 km/h: crollano diversi alberi

  • Pauroso schianto, finisce nel fosso e cappotta: liberato dall'abitacolo dai Vigili del Fuoco

  • "Sei entrato nel cuore di tutti": tanta commozione per l'ultimo saluto a Fabio Lombini

  • Attesi altri temporali, l'allerta meteo comunicata al telefono: "Ridurre gli spostamenti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento