Il Lions Club Forlì Host dona le nuove attrezzature alla mensa di Santa Maria del Fiore

Il costo complessivo delle attrezzature è stato complessivamente di 8mila euro più Iva

È in programma per domenica, all'ora di pranzo, la consegna ufficiale delle nuove attrezzature che il Lions Club Forlì Host ha donato alla mensa della Parrocchia di Santa Maria del Fiore: una cucina a gas con sei fuochi e relativo forno, una friggitrice, un cuocipasta con vasca da 40 litri, un armadio inox chiuso con porte scorrevoli porta utensili e un frigorifero. Il costo complessivo delle attrezzature è stato complessivamente di 8mila euro più Iva. Sono state acquistate da Farolfi Casa di via Figline, Forlì, ditta che ha applicato un notevole sconto sostenendo in questo l'iniziativa benefica.

La struttura caritativa di via Ravegnana 92 ogni giorno fornisce gratuitamente il pranzo ad un numero di utenti che si attesta mediamente sulle 70 presenze e dal 2008 è gestita dall'Associazione San Francesco. La parrocchia di Santa Maria del Fiore all'epoca era retta dai frati Cappuccini. Il parroco padre Vittorio Ottaviani volle mettere ordine alla realtà fondata nel 1983 dal suo predecessore, l'indimenticato padre Lazzaro Corazzi. Fu così che la conduzione della struttura fu assunta formalmente dall’Associazione “San Francesco Mensa dei Poveri” che continua a farlo con grande impegno ancora oggi. All'importante appuntamento con la solidarietà, che si svolgerà nei nei locali della mensa, parteciperanno Livio Corazza e Pietro Fabbri, rispettivamente vescovo e vicario della Diocesi di Forlì-Bertinoro, Gian Luca Zattini, sindaco di Forlì, Foster Lambruschi, presidente del Lions Club Forlì Host, don Luigi Burchi, parroco di Santa Maria del Fiore, Pietro Spada, vicepresidente della Mensa dei poveri San Francesco, Filippo Monari e Sauro Bandi, direttore ed ex della Caritas.

"Avere attenzione per i cittadini più bisognosi è un impegno costante del nostro club - dichiara Foster Lambruschi - Poterlo fare in modo tangibile come in questo caso dopo aver ottenuto l'aiuto determinante dei 1200 partecipanti alla camminata di Babbo Natale, che ci ha permesso di raccogliere oltre 5.000 euro, è ancora più significativo. È decisamente un ottimo modo per chiudere il 2019, dopo che alcune settimane fa abbiamo restituito restaurato il quadro "Madonna con Gesù Bambino" alla Chiesa di Santa Lucia ed aver donato libri e giochi ai bambini ricoverati nel reparto di Pediatria dell'Ospedale Morgagni-Pierantoni. Ma è anche un modo per iniziare bene il 2020 perché nel corso dei primi mesi intendiamo sostenere l'attività dell'Associazione Italiana contro le Leucemie e dell'Associazione Italiana Sclerosi Multipla, solo per citare due service già decisi dal Consiglio direttivo. Anche in questo caso, conclude il presidente del Forlì Host, sarà fondamentale il sostegno, oltre che delle socie e dei soci del club, dei cittadini forlivese, che sempre sanno dimostrare di avere a cuore la solidarietà e di saperla praticare concretamente".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Attaccato dai cinghiali che aveva "adottato": il 65enne non ce l'ha fatta

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento