rotate-mobile
Cronaca

Retromarcia sulle donazioni, Confesercenti: "Zattini mostra buon senso, lo faccia anche per il Polo H"

"Sulla gestione delle donazioni ha capito di dover verificare ed approfondire meglio la finalizzazione delle risorse e siamo certi che troverà una soluzione diversa a quella sinora ipotizzata”

“Come sempre il Sindaco Zattini mette il suo buonsenso a disposizione della cittadinanza forlivese.  Anche sulla gestione delle donazioni ha capito di dover verificare ed approfondire meglio la finalizzazione delle risorse e siamo certi che troverà una soluzione diversa a quella sinora ipotizzata”: a salutare positivamente la marcia indietro sul progetto di destinare le donazioni all'abbattimento dei tassi di interesse sui prestiti ponte dirette alle famiglie alluvionate è il direttore di Confesercenti Giancarlo Corzani.

“Ovviamente come Confesercenti forlivese abbiamo delle idee e se ci verrà chiesto le metteremo a disposizione, mentre, per quanto ci riguarda, senza fare del cinema, fin dal primo giorno abbiamo concretamente aiutato i nostri soci colpiti dall’alluvione, nonostante la nostra stessa sede sociale abbia subito danni molto pesanti che necessiteranno di lavori di ripristino strutturali davvero importanti - spiega Corzani -. Siamo romagnoli e dopo aver prima preso il badile in mano, ci siamo adattati da subito a lavorare negli spazi che ci erano rimasti, non lasciando soli e senza servizi neppure un giorno in nostri soci, continuando per altro a tenere stretti rapporti con gli Amministratori sia sulle drammatiche vicende dell’alluvione, sia sulle questioni aperte di interesse per le nostre categorie”.

Ed ancora: “Quando due piani su cinque della nostra sede erano ancora sott’acqua e fango, il Sindaco Gianluca Zattini è stato il primo venuto a trovarci e con due sguardi e un paio di strette di mano, abbiamo capito che lui c’era, al nostro fianco, e ci sarebbe stato”.

Ed ancora Corzani: “Qualche settimana dopo, su nostra richiesta, ci siamo visti invece per parlare del Polo H, in una circostanza che il Sindaco ha allargato al vicesindaco Mezzacapo ed ai vari dirigenti dei settori interessati. In quella circostanza, capitata dopo un infortunio giornalistico del vicesindaco, abbiamo misurato per l’ennesima volta la distanza che corre tra il Sindaco ed alcuni dei suoi principali componenti di Giunta, non solo nello stile, ma soprattutto nella capacità di ascolto”.

Prosegue: “Va detto che dopo aver ascoltato, il Sindaco, se consolida le proprie opinioni, è capace di durezze persino impensabili in un uomo all’apparenza mite, ma ha un pregio che era ed è ancora merce rara in chi ha amministrato ed amministra le nostre città, cioè vuole ascoltare direttamente le persone e vuole dar loro le risposte necessarie. Dove sta il problema, vedi anche in questa vicenda delle donazioni, è nella cerchia dei collaboratori più vicini, se non nei più stretti”.

“Sulle vicende del Polo H, in massima trasparenza e lealtà gli abbiamo rappresentato i gravi problemi correlati a quell’ipotesi progettuale, esponendoci persino più come cittadini che come rappresentanti di categoria, evitando ogni polemica pubblica anche difronte alle improvvide uscite del vicesindaco, nella convinzione di doverlo preavvisare dei contenuti di una proposta progettuale che a nostro parere è immorale per i nostri concittadini”, continua Corzani.

Ed infine: “Ora, se ancora una volta non interverrà con il suo buon senso sulla vicenda, dopo avergli illustrato i dati di cui disponiamo e per effetto dei quali per noi significa comunque non parlare di strutture impattanti, prima del completamento della tangenziale, non solo su quella vicenda cambieremo passo”, conclude Corzani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Retromarcia sulle donazioni, Confesercenti: "Zattini mostra buon senso, lo faccia anche per il Polo H"

ForlìToday è in caricamento