"Insieme si può": è possibile fare donazioni a favore della gestione dell'emergenza sanitaria

Ogni euro raccolto e il suo utilizzo verranno ovviamente resocontati pubblicamente, così come è stato fatto per la ricostruzione post sisma

Di fronte a chi già ha fatto donazioni e ai tanti che hanno chiesto di poterlo fare, la Regione ha deciso di dare la possibilità a chiunque voglia di dare un contributo per la gestione dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus, versando sul conto corrente della Protezione civile regionale dell’Emilia-Romagna. Questo il codice Iban: IT69G0200802435000104428964. Causale: Insieme si può: l'Emilia-Romagna contro il Coronavirus. Lo si può fare da mercoledì. Ogni euro raccolto e il suo utilizzo verranno ovviamente resocontati pubblicamente, così come è stato fatto per la ricostruzione post sisma.

Moltissimi sono i cittadini che in questi giorni desiderano fare delle donazioni agli ospedali per l’acquisto di strumentazione medica. Per questo l’Ausl ha diffuso i canali ufficiali per poter effettuare le elargizioni in modo sicuro, che per ora però è solo tramite via bonifico bancario. Scrive in una nota l’Ausl: “La Direzione aziendale vuole rivolgere un sentito ringraziamento ai cittadini che si stanno facendo avanti per offrire contributi e donazioni per le strutture sanitarie: di fronte a tali offerte, e anche, per contro, al fine di evitare truffe, si ribadiscono le modalità ufficiali per effettuare donazioni in denaro all’Ausl (per qualsivoglia circostanza)”.

E’ possibile utilizzare le seguenti coordinate bancarie: AZIENDA USL DELLA ROMAGNA - INTESA SAN PAOLO - IBAN: IT34W0306913298100000300064 - Tesoreria AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE DELLA ROMAGNA AREA FORLI,  precisando nella causale una eventuale motivazione per la donazione.

Inoltre si specifica che “l’Ausl non ha mai inviato, e non invia, persone al domicilio per richiedere donazioni ed invita a diffidare, o quantomeno a verificare bene la natura di altri soggetti che, anche on line, sostengono di raccogliere denaro a favore degli ospedali per il coronavirus. Eventuali iniziative illegali che fossero verificate saranno perseguite con la massima decisione”.

Una modalità alternativa per donare alla Rianimazione di Forlì è quella messa in atto da una raccolta fondi via internet, organizzata da una forlivese, e finalizzata nello specifico ad acquisti di macchinari. Scrive una cittadina che ha deciso di muoversi in prima persona: “Sono Francesca Laghi, una ragazza di Forlì che ha deciso di aprire una raccolta che durerà circa una settimana da destinare per l’acquisto di nuove apparecchiature al nostro ospedale Morgagni-Pierantoni . Nel nostro piccolo e nelle nostre possibilità possiamo fare la differenza. Donate e se non potete condividete. In questi momenti bisogna rimanere uniti.  Anche un piccolo contributo può fare la differenza”.

Precisa l’organizzatrice: “Voglio inoltre fare chiarezza: i soldi raccolti saranno sulla piattaforma “Go found me” (e non a me), in attesa di metterli nell’iban direttamente del destinatario. Questi soldi li destiniamo al reparto di Rianimazione del nostro ospedale di Forlì. Ho parlato con la Dottoressa caposala del reparto di Rianimazione di Forlì, che si sta muovendo per comunicarmi su come agire. Intanto vi ringrazio per le donazioni!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui per donare con quest’altra formula, molto immediata e adatta alle cifre non elevate

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento