Donne maltrattate in famiglia, l'allarme di Ugl: "Con il lockdown violenze aumentate del 78,5%"

A lanciare l'allarme è Tulla Bevilacqua (Ugl) che fotografa la situazione in regione e sul territorio nazionale

Ugl: “In regione durante il lockdown + 78,5% di donne maltrattate fra le mura domestiche"
Uno degli effetti negativi sociali più rilevanti della fase del lockdown è stato è l'aumento delle richieste di aiuto di donne maltrattate o violentate in ambito familiare. Il dato è certificato dall'Istat che in queste ore ha pubblicato il report dei contatti registrati nel database del numero verde antiviolenza e stalking 1522 del Dipartimento nazionale Pari Opportunità". A lanciare l'allarme Tulla Bevilacqua (Ugl).

"A livello nazionale Il numero delle chiamate sia telefoniche sia via chat nel periodo compreso tra marzo e giugno 2020 è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+119,6%), passando da 6.956 a 15.280. A livello locale , con un dato scorporato al periodo 1° marzo – 16 aprile 2020, le chiamate provenienti dal territorio emiliano-romagnolo al numero verde 1522, sono state 282 , con un incremento del 78,5% rispetto al 2019, un dato superiore del 5,5% alla media nazionale riferita allo stesso arco temporale. L'analisi dei casi riporta che in 9 casi su 10 i maltrattamenti si sono perpetrati materialmente all’interno delle mura domestiche e spesso, addirittura, davanti ai figli della coppia. In generale, in almeno tre quarti dei casi le donne denunciano di subire le sevizie da anni. Nel 50% dei casi le vittime dichiarano di temere per la propria incolumità se non addirittura per la propria vita. “Ancora una volta le statistiche confermano il primato negativo della nostra regione in questa poco onorevole classifica”: afferma il segretario regionale Emilia-Romagna del sindacato Ugl.

“L'Emilia-Romagna, purtroppo, per femminicidi e violenza e maltrattamenti alle donne ed ai minori in vetta da anni alle classifiche nazionali assieme al Lazio. A nostro parere , oltre al sostegno alle reti di intervento e accoglienza alle donne maltrattate, ai centri antiviolenza e case rifugio, ai “numeri verdi” ed al rafforzamento dell'azione di contrasto delle forze dell'ordine, è necessario ragionare su una più equa distribuzione sul territorio dei fondi nazionali antiviolenza. Ad oggi, purtroppo, abbiamo constatato che la ripartizione nazionale delle risorse non tiene conto della presenza nei vari territori locali e regionali di effettive reti sostegno alle donne ma semmai segue la logica delle ripartizioni indistinte ai Comuni che, specie al Sud, non garantiscono i servizi necessari per arginare il fenomeno di cui stiamo parlando”.

Ugl: “In regione durante il lockdown + 78,5% di donne maltrattate fra le mura domestiche"
Il sindacato Ugl, a livello nazionale ha portato in sede di Commissione d’inchiesta sul femminicidio il tema dell' aggravante del codice penale per la molestia sessuale sui luoghi di lavoro, una questione che si ritiene utile al pari del riordino degli organismi di parità, speso assoggettati a logiche spartitorie ideologiche o di partito che nulla afferiscono ad una problematica socio-sanitaria come quella della violenza alle donne o ai minori.

 
Potrebbe interessarti: https://www.cesenatoday.it/cronaca/ugl-in-regione-durante-il-lockdown-78-5-di-donne-maltrattate-fra-le-mura-domestiche.html


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Potrebbe interessarti: https://www.cesenatoday.it/cronaca/ugl-in-regione-durante-il-lockdown-78-5-di-donne-maltrattate-fra-le-mura-domestiche.html

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento