Cronaca

Dopo il diploma col massimo dei voti Riccardo sogna la divisa: "Accademia Militare o Esercito"

"Direi che la mia migliore qualità è la capacità di adattarsi a qualsiasi situazione e il saper rimanere calmo nelle situazioni di stress", confessa

Diploma col massimo dei voti per Riccardo Bassetti, studente dell'istituto professionale "Ruffilli" che ha concluso il percorso di studi nell'indirizzo "socio sanitario - odontotecnico". Si definisce "un ragazzo come tanti, ma se dovessi descrivermi direi che la mia migliore qualità è la capacità di adattarsi a qualsiasi situazione e il saper rimanere calmo nelle situazioni di stress".

Cosa ho provato il giorno dell'esame?
Ho sentito una sensazione di libertà, sono stato molto contento di aver finalmente portato a termine non solo il percorso delle superiori, ma in generale quello della scuola dell'obbligo, che ha accompagnato me e i miei coetanei per 13 anni della nostra vita.

Come il covid 19 ha impattato la vita scolastica?
A mio parere c'è chiaramente stato uno shock iniziale e per il primo anno di pandemia ci si è dovuti adattare ad una preparazione che poteva risultare inferiore a quella della scuola in presenza, ma durante questo secondo anno i rapporti con i professori sono stati comparabili alla normalità.

Come mi sono trovato con la Dad?
Non male devo dire, dopotutto, almeno secondo me, non importa il mezzo con cui si insegna, poichè i concetti vengono trasmessi allo stesso modo. Posso però dire che mi sono dovuto impegnare di più a studiare qualche parte che nel mio indirizzo sarebbe risultata più semplice da capire se coadiuvata da un'esperienza pratica.

Il suo risultato certifica un'ottima preparazione. Si è dedicato molto ai libri o ha potuto comunque dedicarsi a passioni e hobby?
Devo dire che ho dedicato la maggior parte del tempo ai miei hobby, che sono la lettura e la bicicletta. Ho preparato l'esame in 3 giorni se proprio ci si tiene a saperlo, ma reputo che il mio risultato certifichi una buona comprensione e acquisizione di ciò che è stato insegnato durante l'anno, a contrasto di uno studio mnemonico che può risultare sterile e che può essere dimenticato in futuro.

Come mai ho scelto questo indirizzo?
Lo scelsi a 13 anni poichè pensavo al guadagno che poteva derivare da questa professione (non sono mai stato un grande idealista), ma tornando indietro sceglierei un altro percorso di studi, magari un istituto tecnico o il classico

Proseguirò gli studi?
Mi prenderò una pausa da settembre a gennaio, per poi provare e si spera riuscire ad entrare all'Accademia Militare di Modena. Nel qual caso mi rifiutassero vorrei comunque provare ad entrare nell'Esercito Italiano arruolandomi come VFP1.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il diploma col massimo dei voti Riccardo sogna la divisa: "Accademia Militare o Esercito"

ForlìToday è in caricamento